Alexa for business, il nuovo collega in ufficio

6 dicembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Amazon punta in alto con il concetto di assistente virtuale arrivando anche in ufficio e proponendo una semplificazione di tutti i processi con Alexa for business

Amazon sembra non essersi ancora messa comoda per assaporare il già discreto successo di Alexa, il suo assistente virtuale. Decide di puntare oltre con Alexa for business, uno strumento che “rischia” di diventare indispensabile per le aziende. Per ora si tratta di un prodotto accessibile solo per le realtà statunitensi ma le funzionalità potrebbero essere appetibili anche per le imprese nostrane.

alexa-business

Alexa alle origini

L’assistente virtuale di casa Amazon, Alexa, nasce nel 2014 con l’obiettivo di semplificare la vita delle persone soprattutto in ambienti domestici. Il suo funzionamento si basa su semplici comandi vocali. In una casa con sistema domotico efficiente, Alexa è in grado di eseguire diversi compiti. Sa accendere i riscaldamenti, la lavatrice, il forno, l’impianto stereo e altro ancora. Fra le altre cose, è in grado di impostare la sveglia – che sarebbe anche il minimo – fare acquisti online, controllare il meteo.

Queste sono alcune delle funzionalità con le quali Alexa si è presentata al mondo diversi anni fa. E appunto, il contesto era quello domestico.

Alexa per l’impresa

Alexa for business conserva le impostazioni del tipico assistente virtuale ma le trasporta nel contesto lavorativo, in ufficio. Offre due tipi di servizi: quelli dedicati agli apparecchi condivisi e quelli per i device personali. Per questi ultimi sono disponibili comandi la cui risposta è affidata ad AWS ( Amazon Web Services – la divisione indipendente dalla casa madre Amazon, specializzata nei servizi cloud). Nel cloud sono condivise anche informazioni. Questo sono relative ai partner che siano stati eventualmente integrati, come Microsoft Exchange, Outlook, RingCentral, Salesforce, Google G Suite, Sap Concur e Successfators.

alexa-business-at-desk-

 

Tra le varie funzionalità

Alexa for business organizza viaggi di lavoro così come un meeting aziendale, prenotando stanze, avvisando i partecipanti con degli alert, mettendo a disposizione tutte le forniture necessarie. È sufficiente il comando vocale “Alexa, avvia il meeting”, e si dà avvio al sistema di conferenza audio e video. Durante lo stesso meeting Alexa dà il suo apporto. Ad esempio rispondendo ad eventuali domande, anche in merito a dati societari o dei partner aziendali. Il bello di questo software è la personalizzazione. L’AWS dà accesso a uno Skill kit che permette ai programmatori delle rispettive aziende di creare diverse possibilità di interrogazione sulla base del linguaggio naturale.

 

Dubbi sulla sicurezza

Purtroppo non mancano alcuni dubbi sull’effettiva sicurezza del sistema, oltre che sulla privacy. L’altoparlante di Alexa, Echo, potrebbe trovarsi in stanze all’interno di aziende in cui si discute di dati sensibili. Geoff Blaber, analista di CCS Insight ci tiene, però, a specificare che privacy e sicurezza “sono la questione numero uno”, quasi più importanti delle funzioni.

alexa-for-business-

Amazon ha lanciato Alexa for business per essere la prima ad aprirsi verso il panorama aziendale. Questo per avviarsi verso nuove strade in vista di una crescita a livello internazionale del sistema di assistenti virtuali in contesti business. Ma anche e soprattutto per battere le possibili soluzioni rivali delle antagoniste Google e Apple.

Quando Alexa for Business arriverà anche in Italia avremo sicuramente un vero metro di giudizio, per ora la osserviamo da lontano.

 

di Simona Gitto

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *