Allenamento veloce. I 20 muniti che aiutano

29 novembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Bastano 20 minuti per tenersi in forma

L’allenamento veloce si può fare tranquillamente a casa. La cosa importante è essere determinati, avere una base ginnica per interpretare bene gli esercizi, e mantenere questo impegni con noi stessi con costanza.

Bisogna impegnarsi innanzitutto a tritare il tempo. Mezz’ora da ritagliarsi possibilmente la mattina, prima di cominciare tutte le nostre attività quotidiane, lavorative e personali.

Il punto cardine di questo allenamento sono gli esercizi a ‘circuito’ cioè sono esercizi organizzati in sequenza senza pausa. E’ proprio l’assenza delle pause che fa aumentare l’intensità della seduta.

Il circuito poi va ripetuto più volte. L’unico momento di riposo per riprendere fiato eè la pausa tra un circuito e l’altro.

L’allenamento veloce a circuito è un allenamento per tutto il corpo, cioè vengono stimolati quasi tutti i muscoli in un lasso di tempo molto breve. Si ottengono così benefici sul fronte della bonificazione e del dimagrimento, o quantomeno del mantenimento del peso forma.

allenamento-veloce

Programma soft

Chi vuole cominciare con calma perché non ha molta dimestichezza con l’attività fisica può mantenersi in forma iniziando un circuito abbastanza blando. Va ripetuto 3-4 volte possibilmente senza effettuare le pause o riposandosi al massimo 30 secondi tra un giro e l’altro.

  • 10 air squat: da posizione eretta, con gambe leggermente divaricate e braccia tese in avanti, ci si piega fino ad arrivare con le cosce parallele al pavimento, come in posizione seduta, per tornare poi in posi<ione di partenza, Schiena dritta, braccia sempre tese e sguardo davanti a sé.
  • 10 affondi: da posizione eretta si porta avanti la gamba destra fino a formare un angolo di 90° tra femore e tibia, con il ginocchio sinistro che si avvicina quanto più possibile a terra, poi si torna in posizione di partenza e si ripete a gambe ‘invertite’.
  • 10 piegamenti sulle braccia: si tratta degli esercizi che vengono erroneamente chiamati flessioni, che vanno svolti appoggiando le ginocchia al pavimento, così da risultare meno impegnativi.
  • 10 addominali classici: partendo da sdraiati schiena a terra con le gambe piegate, sollevare il busto fino a far toccare il petto alle ginocchia.
  • Ponte plani per 20 secondi: sdraiati con la pancia  a terra, le gambe e la schiena dritte, si solleva il bacino tenendolo in linea con la schiena e rimanendo appoggiati sui gomiti e sulle punte dei piedi.

flessioni

Il programma più intenso comporta i medesimi esercizi con quantità di sequenza maggiori.

Sarebbe il caso di cominciare a fare questo tipo di allenamento veloce almeno 3 giorni su 7 perché dia i risultati sperati.

 

Buon allenamento a tutti!

a cura della redazione

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *