Botticelle elettriche: sì, no, forse

9 agosto 2017 | commenti: Commenta per primo |

Botticelle roventi

botticelle 1Botticelle e polemiche aspre quelle in questi giorni di gran caldo. La scusa del bailamme mediatico è stata naturalmente politica, ma in verità le pressioni delle associazioni animaliste in questo caso non hanno colore. È stato infatti richiesto per la seconda estate che vengano bloccate le botticelle trainate dai cavalli sotto il sole cocente estivo e sull’asfalto rovente.

Il silenzio comunale ai presidi di Animalisti Italiani, Enpa, Avcpp, Lav e Oipa è alquanto ingiusto per i poveri animali. E anche incomprensibile visto che due mesi fa la Giunta ha approvato una memoria di espressione popolare, grazie al lavoro dell’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale, dell’Assessorato alla Mobilità, della Commissione Ambiente, Commissione Mobilità e della Direzione Benessere Animale del Dipartimento Ambiente, che prevedrà l’utilizzo delle botticelle elettriche.

Anche i 47 vetturini regolari, dal canto loro hanno protestato contro quella che per loro viene definita una ‘tradizione’ per cittadini e turisti, ma allo stesso tempo sono state date loro delle garanzie. Potranno infatti convertire la licenza in una licenza taxi, continuare a condurre carrozzelle con cavalli, ma solo nei parchi urbani e ville storiche, oppure passare alle botticelle elettriche

Il benessere degli animali sembra quindi essere stato messo al primo posto. Nonostante gli annunci che dal 2018  le botticelle elettriche saranno realtà però i tempi purtroppo però non sono chiari, vista la necessità di individuare i fondi per la produzione della vettura. Intanto le associazioni lamentano che “nonostante lo Statuto di Roma Capitale preveda 4 mesi per la votazione di una Delibera popolare, sono ben 29 mesi che attendiamo il pronunciamento del Campidoglio, di cui 12 con l’attuale maggioranza”.

La Biocarrozza

foto twitter comune di Cisterna LT

foto twitter comune di Cisterna LT

La Biocarrozza di Pomos, Polo mobilità sostenibile della Sapienza di Cisterna di Latina, è un progetto che nasce nel 2011 e spera di vedere la luce quanto prima, La Biocarrozza ha un design classico ma moderno, completamente originale a propulsione elettrica e dotata di elettronica di servizio e di controllo, con motore elettrico da 4,5 kW che potrà essere potenziato in una versione successiva prevista fino al doppio dei kW. Nelle intenzioni è prevista la costruzione di due prototipi e poi della flotta di circa venti pezzi.

Nel frattempo però, nessuno è contento…

di Lorenzo Sigillò

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *