Caduta dei Capelli. Qualche soluzione

18 ottobre 2017 | commenti: Commenta per primo |

L’autunno è la stagione in cui sembra si perdano molti capelli

La caduta dei capelli avviene in autunno. E’ il periodo che segue l’estate dove il capello è stato soggetto a diverse pressioni. Calore, sole, sudorazione, salsedine. Secchezza della cute e perdita di forza nella tenuta del capello.

caduta-dei-capelli-cause-e-rimedi-naturali

La biostimolazione anticaduta

La medicina estetica prende dei provvedimenti in tal senso attraverso dei trattamenti mirati che stimolano la radice capillare affinché riprenda la sua ricrescita e, nel contempo, rendano la capigliatura più forte, bella e corposa.

La biostimolazione consiste nell’iniettare direttamente nel cuoio capelluto sostanze necessarie a risolvere le diverse problematiche dei capelli.

Questo trattamento si può fare con l’acido ialuronico composto  o con il PDRN.

Il primo trattamento viene fatto con una sostanza adatta ai capelli. diversa pertanto da quella per il viso. Il rilascio della sostanza sul cuoio capelluto è lento e consiste una progressiva idratazione. Abbinato ad altre sostanze specifiche che rinormalizzano il cuoio capelluto.

Questo cocktail è indicato per rigenerare i follicoli danneggiati e attivarne di nuovi. Contrasta l’attività dannosa e la moltiplicazione di radicali liberi dovuti all’esposizione ai raggi UV.

Il secondo trattamento consiste in una innovativa formulazione con frammenti di acidi nucleici estratti dallo sperma di trota. Questa sostanza è ampiamente usata in medicina perché favorisce il nutrimento dei tessuti. Guarisce ulcere e ferite e  stimola la crescita delle cellule. La somministrazione sul cuoio capelluto rigenera le cellule e aumenta la circolazione locale.

caduta-dei-capelli

Dalle seconde terze sedute si cominciano a vedere i primi risultati con entrambi i trattamenti. Aumenta la consistenza del capello e rallenta il processo di caduta degli stessi.

Per rinvigorire i capelli dopo lo stress dell’estate vanno rinforzati i bulbi capillari. Questo si può farlo con lozioni bioattivatrici, frizioni tricologhe. In caso di capelli fini e deboli si possono utilizzare soluzioni a base di cheratina.

Sotto controllo medico si possono prendere anche degli integratori alimentari specifici.

 

In ogni caso prima di prendere qualsiasi decisione su quale metodo adottare, è consigliabile un consulto medico o di uno specialista del settore.

 

a cura della redazione

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *