ClioMakeup si dà al trucco del maternage

16 agosto 2017 | commenti: Commenta per primo |

Come navigare senza cadere nella rete dei non-esperti

ClioMakeup ha avuto una figlia, l’ha chiamata Grace, e ha deciso di truccare la maternità ancor prima di truccare se stessa.

Perché ditemi vok chi ha tempo di postare tot interverti a sera con i dolori dei punti, con il male ai capezzoli, con il senso di inadeguatezza che ogni singolo parente e conoscente, che non ha mai nemmeno avuto l’idea di avere un criceto, altro che un figlio, ti trasmette, anche solo con lo sguardo.

Poi il fatto che ClioMakeup si sia messa a scrivere di maternage, e ancora di più di allattamento e babywearing merita un post a lei dedicato questa volta.

ClioMakeup è molto famosa, e viene letta da tante tantissime donne. Io sono una sfigatona abbastanza in carne, che vive in Sardegna, ma che, dato il caldo e la figlia di nemmeno quattro mesi, ogni tanto scrive qualcosa di criticamente arrabbiato, perché per quest’anno stessa spiaggia stesso mare, no, non si può.img_6538

Allora, a tutte le mamme che leggono gli articoli di ClioMakeup voglio dire: non vi fidate di chi cambia lavoro da un giorno all’altro, esistono dei professionisti del maternage. Pediatra per le malattie. Ostetrica per la cura del bambino. Doula per la cura della madre. Consulenti per l’allattamento. Consulenti per il babywearing.

Senza entrare nel dettaglio, e quindi nel rischio di giudicare l’altrui maternità, questi sono alcuni dei riferimenti. Persone a cui rivolgersi prima di dire “non ho latte”, oppure di acquistare un marsupio della Chicco.
Bene, così adesso potranno querelarmi ClioMakeup e anche la Chicco.

Voglio invitare le neomamme a domandare sempre e solo a personale esperto, in base alla propria problematica.
Ecco link “salvamaternità/azzittasuocera”.

Voglio postare dei contatti, dei riferimenti, dei siti, affinché arrivi l’idea che si possa giungere al parto con una rete di salvataggio già pronta, senza affidarsi alla prima non-esperta di turno che passa.

Informarsi si può, ma nel mondo giusto, navigando bene, e girandosi dall’altra parte, quando ci si imbatte in finti esperti.

  • Per Allattamento:
    dal 1956 La Leche League sostiene in tutto il mondo le donne che vogliono allattare. http://www.lllitalia.org
    Leggere “Un dono per tutta la vita. Guida all’allattamento materno” di Carlos González, “Latte di Mamma… tutte tranne me!” di Giorgia Cozza
    Googlare “Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e allattamento”
    E dopo…? Esiste l’Autosvezzamento
    Esistono mamme volontarie disposta ad aiutarvi in modo gratuito
    Esistono le doule, le mamme delle mamme, figure che aiutano la mamma in qualunque momento abbia bisogno di un supporto emotivo e pratico
    Esistono le ostetriche, in grado di occuparsi di mamma e figlio
  • Per Babywearing (quale marsupio, supporto, fascia, da quale mese, a chi rivolgersi)Googlare Scuola del Portare®. http://scuoladelportare.it. Leggere “Portare i piccoli” di Esther Weber

(Senza dimenticare “Bebè a costo zero”, “Neomamma è facile”, “Pannolini lavabili” di Giorgia Cozza)

Siamo sempre in tempo per attingere dalle giuste fonti!
Questi sono spunti di riflessione, utili per combattere l’abitudine alla cattiva informazione. A voi scegliere se consultare una pagina web, se acquistare un libro, capire se siete di fronte ad un problema oppure ad un qualcosa che vi permetta di essere in pace con voi stesse a prescindere.

A me preme unicamente che sia una vostra scelta, ponderata, e che non derivi da un blog di trucchi, per quanto famoso esso sia.

 


di Cristina Ippoliti

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *