Estinzione delle specie: stiamo distruggendo la Terra?

16 agosto 2017 | commenti: Commenta per primo |

ESTINZIONE

estinzione 1Estinzione. Una parola di cui forse dovremmo cominciare ad avere paura. Se dopo il ferragosto, tra vicini di lettino invadenti, bambini rumorosi, caldo, sabbia e fastidio avete pensato che la soluzione fosse la scomparsa di tutta quella massa di persone… bè non siete lontani dalla realtà. Avete solo gettato l’occhio un po’ più in là, perché nonostante i 7 miliardi di abitanti in aumento sulla Terra, il nostro destino è quello di estinguerci a breve.

Battute a parte, il problema sta diventando serio, pertanto facciamo un passo indietro con voi. Le specie stanno sparendo infatti ad un ritmo che non vi vedeva da milioni di anni, motivo per cui gli scienziati hanno cominciato a parlare della sesta estinzione di massa sulla Terra. Quasi 70 milioni di anni fa i dinosauri sparirono probabilmente per colpa di un asteroide, oggi invece il principale responsabile sembra essere proprio l’uomo. Negli ultimi 100 anni sono scomparse circa 400 specie ed oggi l’estinzione minaccia quasi 20 cento delle razze, di cui quasi la metà degli anfibi e 1 specie di mammiferi su 4.

estinzione 2Qualche ragionamento ed alcuni numeri per tutti: la Terra ha 4,5 miliardi di anni ed ha appunto subito le precedenti estinzioni di massa a causa di eventi esterni, con meteoriti, esplosioni di stelle, variazioni di temperatura ed ogni volta ha ricostruito la vita. L’uomo la abita da 200 mila anni ed in 250 anni potrebbe essere il primo caso di estinzione causata dai suoi stessi abitanti.

LE CAUSE E LE POSSIBILI SOLUZIONI

Le cause? Un po’ di tutto viene da dire, dalla sovrappopolazione, alle costruzione urbani, allo sfruttamento del terreno, all’emissione di Co2, all’ avvelenamento degli ecosistemi. Lo avrete visto in qualche film ma la cartina tornasole dell’attività di impollinazione delle api che lentamente sta cessando, è il vero bilancino della progressiva distruzione dell’intera catena alimentare.

estinzione-3Nonostante le iniziative mondiali, persino i casi di cronaca recenti, anche nel nostro piccolo, ci vedono perdenti. I problemi sono conosciuti, le soluzioni, in teoria, anche. Sono a portata di mano di tutti i governi le necessità di diversi modelli di sviluppo economico ma è quasi una necessità prima ancora etica e civile. Il rispetto delle risorse del nostro pianeta da anteporre a qualsiasi guadagno e la solidarietà che sostituisca lo sfruttamento, dovrebbero essere i capisaldi di qualsiasi Stato Sociale. Non c’è un’alternativa caro essere umano.

In tema di ecologia, vi consigliamo infine la visione di un film del 2007, The 11th Hour – L’Undicesima Ora. Prodotto e narrato da Leonardo Di Caprio, si tratta di documentario sulla crisi ecologica del pianeta, sul rischio delle specie e contro i governi politico-economici del nostro tempo.

di Lorenzo Sigillò

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *