Ginnastica senza stress. Il punto di Paolo Ricci

15 novembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Fare sport senza incrementare la competizione negativa

Ginnastica senza stress. In un mondo ed una società, che non lasciano spazio a chi non vince o chi non si produce in una competizione sembra alquanto strano proporre un’attività sportiva senza Stress.

Se poi l’attività in questione è la Ginnastica Artistica tutto ciò si amplifica ancor di più.

Dieci anni orsono il Prof. Paolo Ricci, diplomato all’ISEF di Roma ed insegnante da più di 30 anni di Ginnastica Artistica e attività di Fitness in generale, ha fatto una scelta forte e tutto sommato controcorrente, iniziare un percorso d’insegnamento della Ginnastica artistica senza Stress.

foto-tablet-ginnastica-2web

In questa parola lui ha identificato tutto ciò che mettesse ansia da prestazione ad alcuni bambini. Per il professore l’ansia da prestazione, già conosciuta nel mondo dei “grandi” come attivatrice di stress ha ben pensato di non volerla proporre assolutamente al mondo dei piccoli.

Quindi armatosi di tanto coraggio, capacità dialettica e voglia di creare qualcosa di innovativo, ha cominciato nel 2006 i suoi primi corsi di Ginnastica Artistica. Qui i bambini che si iscrivevano ricevevano in maniera chiara notizie riguardo al fatto che avrebbero condotto un anno sportivo senza doversi confrontare con altri ginnasti/e se non, con loro stessi.

Non è stato facile all’inizio, e a dir la verità anche oggi la maggior parte delle famiglie pensano che lo Sport abbia un senso solo se legato all’agonismo.

Sia ben chiaro che il Prof. Ricci non è contrario a questa realtà, essendo stato anche lui a suo tempo un’agonista per 8 anni.  Ma sostiene che non tutti i bambini sono pronti ad affrontare un’attività bella, divertente, socializzante come lo sport solo in maniera agonistica.

foto-per-tablet-ginnasticaweb

Nei suoi ricordi, tornando indietro con la mente, riaffiorano tanti esempi di bambini che in occasione di un evento agonistico, inteso come Competizione esterna, ma anche solo come impegno forte, a livello emotivo, quale un Saggio di fine anno, vivevano con un eccessiva ansia, preoccupazione e tensione tutto ciò che invece avrebbe dovuto rappresentare per loro un momento di gioia.

In questi anni di analisi e di studio, Ricci ha visto che basta che uno solo dei tre elementi della triade , Genitore, Allenatore, Bambino porti un po’ di stress all’interno del sistema gli altri due inevitabilmente vengono coinvolti nel ciclone. Ebbene sì, di un vero e proprio ciclone si tratta, soprattutto se sia i genitori che l’allenatore sono convinti che il bambino possa dare dei risultati sportivi, che tutto sommato al bambino in fondo in fondo non interessino tanto. In poche parole spesso i bambini si trovano spinti a fare quello che il mondo dei Grandi decide senza neanche essere stati interpellati!

I bambini in quanto bambini hanno bisogno e diritto a giocare, imparare giocando, crescere giocando, fino a che sono bambini.

Il termine del loro essere bambini è estremamente soggettivo e varia da bambino a bambino, quello che è uguale per tutti e voglio ripeterlo è il diritto al divertimento. Ciò che loro imparano a livello psicomotorio divertendosi ha una valenza doppia rispetto a tutto il resto.

foto-tablet-ginnastica-1web

I vantaggi di un’attività sportiva senza Stress sono dati da un clima di serenità profonda. Quello stesso clima che i bambini recepiscono da subito come ambiente dove ognuno di loro potrà semplicemente essere ciò che è e ciò che sarà, senza dover vestire i panni scomodi di colui che dovrà “ dimostrare di essere “. Gli stessi istruttori riescono ad attivarsi con tutta una serie di attenzioni ed accorgimenti che fanno tanto bene ai bambini. In questo modo innalzando la loro autostima e la voglia di continuare ad imparare e a muovere il loro corpo.

Quindi evviva l’agonismo e il giusto stress per quei bambini che chiedono di volerlo fare , scevri da aspettative dei loro genitori e dei loro allenatori. Altrettanto evviva per tutti quei bambini che chiedono di approcciarsi alla Ginnastica artistica con la sola volontà di sperimentare il loro coraggio, la loro voglia di apprendere e di crescere ritenendo importante tutto ciò che accade mentre stanno imparando qualcosa.

Troverete impegnato il Prof. Ricci con L’Associazione Sportiva ANGEL presso la Scuola di Piccolo Circo Volavoila’ in Via dei Pescatori 224.

Per ulteriori informazioni scrivete a paoloricci65@gmail.com o contattatelo telefonicamente al 339.24.93.270

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *