Monterey, seconda tappa del viaggio americano

13 settembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

La seconda tappa del nostro viaggio indimenticabile in America è stata Monterey.

Monterey, tante aspettative, poche attrattive.

Prima di lasciare San Francisco, però, abbiamo incrociato (quasi per caso) uno splendido giardino giapponese: Japanese tea Garden, non fatevi confondere non è un cocktail.

É un luogo di silenzio e pace. Un giardino estremamente pulito e curato fino all’ultimo dettaglio in cui poter fare una passeggiata ed immergersi per poco in un’atmosfera in pieno stile orientale.

monterey-10-web

Ponti, laghetti, carpe ed infine un bar che serve tè tipico e biscottini della fortuna. Il tutto alla cifra di 8 dollari a biglietto.

A poco più di un’ora e mezza o forse due di macchina si arriva a Monterey. É una carinissima cittadina sulla costa, dove recentemente hanno ambientato la mini serie Big little lies, con Nicole Kidman. La piccola città costeggiata dal mare è molto carina e pulita, con negozi a tema marino e qualche ristorantino sul mare.

Lungo la via principale si trovano anche negozi che vendono caramelle di ogni tipo e altri in stile piratesco.

Consiglio: una giornata è più che sufficiente, non ci sono molte attrattive.

Unico punto attrattivo da vedere, assolutamente, è l’acquario: Monterey Bay Aquarium.

Il prezzo è di 50 dollari circa per adulti e 30 per i bambini. In effetti il prezzo del biglietto non è proprio economico, però non vi lascerà delusi.

Si possono ammirare una moltitudine di pesci e non solo. Un tripudio di colori. C’è anche la possibilità di accarezzare le razze e di vedere pinguini che scorrazzano tranquilli in un habitat ricreato proprio per loro.

La sera siamo andati alla ricerca di un ristorante in cui mangiare… impresa assai ardua, specialmente per i nostri orari.

In America mangiano molto presto quindi trovare locali aperti ai nostri orari di cena è complicato nelle metropoli figurarsi nelle cittadine molto tranquille come Monterey.

Consiglio: Provate a cenare un po’ prima oppure cercate hotel con ristoranti interni.

Girovagando nel nulla e senza una meta ben precisa abbiamo trovato una steakhouse molto buona e soprattutto aperta.

Il giorno dopo riprendiamo le nostre valigie e il nostro tour itinerante. Prendiamo la strada verso Carmel e ci godiamo così un paesaggio lungo la costa meraviglioso.

monterey-1-web

Consiglio: Non perdetevi questo tragitto, il panorama è veramente unico.

Fotografie e testo di Valentina Mele

Scopri qui la prima tappa!

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *