Parco della Madonnetta. Un bene rubato

13 settembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Il caso del Parco della Madonnetta.

E’ arrivata finalmente la pioggia a rinverdire il Parco. La natura per fortuna è più resistente di quello che si possa pensare. Oltre la beffa subita dal Parco e dal suo ex Concessionario, l’estate torrida ha peggiorato lo stato di abbandono in cui questa fetta di territorio purtroppo verte da due anni a questa parte.

Un gioiello virtuoso che una mano distruttiva ha sapientemente annientato.

parco-della-madonnetta-3

Vandali hanno distrutto il centro sportivo e molte delle strutture libere del Parco. Hanno appiccato incendi, hanno reciso piante e rose, si sono portati via tutto quello che era possibile razziare.

I cittadini si sono visti scippare sotto gli occhi uno dei Parchi più importanti del X Municipio e oltre.

parco-della-madonnetta-degrado

Qualche mese intervistammo il Presidente del Comitato Parco della Madonnetta. Era un momento in cui stava prendendo in esame la situazione complessa dei Punti Verdi Qualità. E’ passato del tempo e non si vede luce all’orizzonte.

Ma oggi com’è lo stato dei fatti?

Lo chiediamo direttamente ad Andrea Ciabocco, ex Concessionario del Punto Verde Qualità del Parco della Madonnetta.

Ex Concessionario ma con giudizio avverso alla revoca che ritengo illegittima al Tar del Lazio. Puntualizzazione dovuta poiché troppe cose inesatte sono state dette e scritte nel tempo. A oggi lo stato del Parco è davanti agli occhi di tutti. A seguito di un’azione di spoglio inetta da parte del Comune nei miei confronti il parco e le sue strutture sono quasi totalmente vandalizzate. La manutenzione dovrebbe essere a carico del comune e si vede come la attua e la sicurezza dovrebbe essere compito dei Vigili Urbani e anche qui è inutile polemizzare.

L’attuale amministrazione capitolina aveva fatto un decreto ad hoc per i PVQ? sta mantenendo l’impegno?

Nessun decreto. C’era la delibera di iniziativa popolare che poteva essere risolutiva ma che è stata bocciata dall’attuale maggioranza piegata dalla volontà distruttiva degli uffici.

Quanta differenza c’è tra la politica che promette e l’amministrazione che opera?

Tutti, e dico tutti nessuno escluso, ha promesso interesse alle problematiche del parco. Tutti, e dico tutti, quando governano sono totalmente impotenti. E pensare che sarebbe servito così poco. Bisognava differenziare poiché il Parco della Madonnetta è differente. Bastava ascoltare le parole di chi lo ha ideato, costruito e gestito quando rappresentava difficoltà oggettive nella gestione. Ha prevalso il pregiudizio che vede chi ha una concessione come uno speculatore con i soldi in Lussemburgo. Il Parco della Madonnetta non è stata una speculazione, è stato un sogno realizzato, un atto di amore.

Stiamo andando verso le elezioni del X Municipio. Avranno un peso sul destino del Parco?

Il Municipio non ha nessun autorità sui PVQ.

Si è fatto avanti qualcuno con promesse?

La politica deve stare lontana dal parco.

Come vedi il futuro del Parco e il tuo?

…….

 

Qui nessuno interviene. Sindaco Raggi aspettiamo un suo interessamento. Questa situazione è una vergogna!

 

di Cristina Anichini

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *