Piste ciclabili, un sogno che potrebbe diventare realtà.

6 dicembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Una passeggiata in notturna a Roma con Avventure in Bici

Le piste ciclabili. Se ne parla a Roma da decenni. Ricordo di un sindaco (Francesco Rutelli,ndr) che si rpesento ai suoi elettori come il sindaco in bicicletta. Fu lui che circa 20 anni diede il via all’implemetazione della viabilità su due ruote. Purtroppo come altri progetti e altre opere le cose sono andate diversamente dal previsto.

I romani sono sempre più pronti a pedalare lungo questa meravigliosa città. E lo fanno sia per svago che per i propri spostamenti. La bicicletta è un mezzo sano ed ecologico, che potrebbe alleggerire il traffico e le proprie tasche.

Urge che il piano di viabilità ciclistico venga ripristinato, sia con nuove tratte me anche e soprattutto con la manutenzione delle esistenti.

Cliccando sul link è possibile visionare la nuova mappa, dove sono risportati gli ampliamenti dei percorsi ciclabili realizzati dall’Amministrazione capitolina negli ultimi anni.

https://www.comune.roma.it/PCR/resources/cms/documents/piste_ciclabili.pdf

Rispetto alla prima edizione del 2002, la mappa mostra infatti un sistema di percorsi che raddoppia il numero dei chilometri ciclabili. Tali percorsi, realizzati e in corso di realizzazione, definiscono un sistema ragionato di collegamenti che consente di attraversare la città da nord a sud e da est a ovest, lungo gli spettacolari tratti storiconaturalistici del Tevere e dell’Aniene.

La particolarità che rende Roma una città unica anche in sella ad una bicicletta è infatti proprio quella di poter godere di scenari sorprendenti lungo gli argini dei suoi fiumi, passando poi all’interno di alcune tra le sue più belle Ville Storiche. Percorrendo questi “itinerari verdi” si può raggiungere il centro storico lontano dai rumori del traffico, e si può arrivare dritti dritti presso le principali stazioni ferroviarie e metropolitane di Roma.

Il Comune comunica che a dicembre inizieranno i primi lavori per la manutenzione ordinaria delle piste ciclabili di Roma.

Roma Capitale impiegherà 280mila euro per interventi prioritari necessari a migliorare i tracciati di lungotevere della Vittoria, lungotevere delle Armi, lungotevere Michelangelo, via Laurentina, via del Circo Massimo, via delle Terme di Caracalla, via Cristoforo Colombo, viale Palmiro Togliatti, via di Grottaperfetta. Tra i lavori in programma, previsti il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, la ricostruzione dei percorsi pedonali e il ripristino della colorazione delle piste.

Ci auguriamo tutti che si possa arrivare ad un punto che ci eguaglierebbe alle più avanzate capitali europee.

Intanto noi di TabletRoma vi suggeriamo un bel percorso in nottura, organizzato dai nostri amici di Avventure in bici, lungo la ciclabile del Tevere e alcuni punti del centro storico.

Le calde sere di novembre

Testo e fotografie a cura di Luca Santagà, guida di Mountain Bike.

Ci sono aspetti curiosi in questi cambiamenti climatici. E’ vero, abbiamo dovuto fare i conti con una decisa siccità nei mesi estivi e non solo, adesso viviamo un autunno a due facce. Un momento sembra pieno inverno e l’ altro primavera inoltrata.

Uno dei lati positivi di questo clima un pò bizzarro è che si riescono a svolgere attività all’ aria aperta, di solito riservate ai mesi più caldi.

04-web

Tra queste, oltre alle consuete escursioni in mountain bike, che non si fermano mai, possiamo certamente annoverare le ciclopasseggiate. Quindi si va comunque in bici, ma in modo più rilassato e soprattutto si coniuga la bicicletta con altri aspetti o interessi della nostra vita.

Che sia una gita fuori città, o un tour per negozi, se azzecchiamo la giornata giusta, girare in bicicletta può essere molto piacevole.

E così, insieme ad un gruppo di amici, abbiamo organizzato un apericena un pò speciale, abbinandolo ad una passeggiata serale in bici per le vie della Capitale, sfruttando la pista ciclabile che la attraversa quasi per intero.

Ci siamo dati appuntamento al crepuscolo vicino a ponte Marconi; è sabato, e la serata si annuncia tiepida per il periodo. Con il buio incombente ci siamo messi in marcia alla volta di ponte Milvio.

Pedalando senza troppa fretta si può godere appieno di sensazioni che in altre situazioni di solito sfuggono, si chiacchera sul nastro di ciclabile illuminato dalle nostre lampade con il Tevere che scorre silenzioso alla nostra destra.

E poco dopo si scorgono i ponti, ben illuminati, i monumenti come castel Sant’ Angelo; qui ci si accorge che la prospettiva da cui lo vediamo è comlpetamente nuova. Dal basso, svetta verso il cielo buio e sembra ancora più maestoso, inoltre la sua immagine viene riflessa sull’ acqua creando un effetto unico e molto suggestivo.

Attraversato poi il fiume arriviamo in qualche minuto a piazza del Popolo, infiliamo via di Ripetta e ci fermiamo per il nostro apericena da Gusto Rosso.

Siamo un gruppo numeroso e la tavolata è allegra e vociante. Qui ci concediamo un’ oretta di relax prima di ripartire alla volta di piazza di Spagna e da li villa Borghese ed il Pincio. Il panorama è mozzafiato, siamo carichi ed abbiamo voglia di girare per le più belle vie e piazze di Roma. Quindi di nuovo in sella, in mezzo ad una folla di turisti, spesso divertiti dalla nostra presenza in massa.

La serata non è troppo fredda, il cielo è stellato e rapiti, continuiamo a girare per il centro della città più bella del mondo in una notte che sembra non finire mai…

A malincuore imbocchiamo ancora la ciclabile che ci riporterà al punto di partenza. Ora l’ umidità del fiume comincia a farsi sentire e nei punti più bui sembriamo fantasmi, con le nostre ombre proiettate lungo il muro. E giù…altre risate e schiamazzi. Non abbiamo faticato molto ma in compenso ci siamo divertiti parecchio.

Una cosa è certa: è stato un sabato sera veramente speciale. Quello di una calda sera di novembre.

 

a cura di Cristina Anichini

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *