‘Qualcosa di Alice’. Quando la danza incontra il teatro

15 novembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Liberamente ispirato al romanzo fantastico di Lewis Carroll, “Alice nel Paese delle Meraviglie”,  Ivan Ristallo porta in scena, domenica 19 e lunedì 20 novembre, al Teatro Porta Portese di Roma, lo spettacolo di teatro danza “Qualcosa di Alice

 

_dsc0090_resizeIdeato, diretto e coreografato da Ivan Ristallo, attore e primo ballerino della “Lindsay Kemp Dance Company, l’allestimento di ‘Qualcosa di Alice‘, accompagna il pubblico nell’esplorazione del magico e, a volte, sinistro mondo dell’immaginazione di Alice, in un viaggio a ritroso nella memoria, in cerca di risposte.

Sara Panci interpreta la giovane Alice, che tornerà, ancora una volta, nel Paese delle Meraviglie per rincontrare gli abitanti di quella bizzarra realtà.

Alice nel Paese delle Meraviglie” (abbreviazione de Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie’) è un romanzo che ha fortemente segnato la mia generazione.
Lewis Carroll esplora un mondo sotterraneo, in cui inserisce personaggi fiabeschi che vivono secondo regole comprensibili solo se viste nella loro dimensione onirica.
Il sottomondo di Alice è la dimensione gotica di ognuno di noi: luoghi inesplorati e a tratti spaventosi che ho voluto rappresentare attraverso la danza, il mio strumento espressivo. In un contesto dark e sopra le righe, i personaggi si trasformano di continuo e la storia corre veloce alternando i sogni e gli incubi di Alice.
Uno spettacolo di musica e teatro per fare quello che, secondo me, dovrebbe appunto essere il teatro, intrattenimento.” (Ivan Ristallo)

Questa versione dei racconti di Carroll è infatti molto diversa dalle fiabe lette o ascoltate nell’infanzia. In “Qualcosa di Alice” ritroviamo, infatti, una Alice disperata, quasi pazza, rinchiusa in manicomio e reduce dalla tragica perdita dei genitori, scomparsi in un misterioso incidente. Tormentata da strane visioni e dal senso di colpa per il grave lutto, la protagonista resta sempre in bilico tra la ragazzina che era e la donna che sta diventando.

In questo ritorno nel Paese delle Meraviglie, ambientato tra Inghilterra, India e Giappone, ritroveremo personaggi come il Cappellaio Matto, lo Stregatto (Barbara Donzella) e il Coniglio Bianco (Terr Amos), ma anche il Coniglio Nero, Fiori-Geishe che ridono e danzano, la malinconica Regina Bianca (Elisabetta Vasta), una Dea indiana come Brucaliffo (Lucia Bochicchio), i gemelli Pinco Panco e Panco Pinco (Giulia Bochicchio e Lucia Bochicchio) e una Regina di cuori (Ivan Ristallo) sospesa  tra il maschile e il femminile, forte citazione del teatro di Lindsay Kemp.

Lo spettacolo di teatro danza “Qualcosa di Alice” è ospitato all’interno della rassegna di Burlesque, “BurlAsque Upload” che, una volta al mese, unisce più talenti artistici, ognuno con la propria unicità, con performance che mescolano danza, magia, recitazione, canto e l’arte del burlesque.

Non vi resta, quindi, che varcare la soglia e lasciarvi trasportare nel mondo senza ore di “Qualcosa di Alice”  perché, come diceva lo stesso Carroll: “L’immaginazione è l’unica arma nella guerra contro la realtà.”

 

di Lorenzo Sigillò

Foto ©Luisa Briganti

 

QUALCOSA DI ALICE

23167900_316309908845483_7542805724882942518_ndi  Ivan Ristallo

Regia e coreografie: Ivan Ristallo
Assistente alla regia: Barbara Donzella
Con: Ivan Ristallo, Sara Panci, Barbara Donzella, Terr Amos, Lucia Bochicchio, Giulia Bochicchio, Elisabetta Vasta

Voce Off “Regina di cuori”: Valentina Pistillo”
Musica originale: Francesco Varani
Immagine di locandina e foto: Luisa Briganti

Teatro Porta Portese

Via Portuense, 102 Roma
19 e 20 novembre 2017 ore 21.30
Costo biglietto: 15€ + 2€ (tessera del teatro)
Prenotazioni e info: tel 06.58.12.395
www.facebook.com/teatroportaportese
https://www.facebook.com/Qualcosa-di-Alice-spettacolo-di-teatro-danza

 

 

Potrebbero interessarti anche questi articoli di Tablet.

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

A. A. A. A. A. A. A. A. A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *