RicettArte: Roscónes alla marmellata d’arancia di Botero

8 novembre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Ispirati  dalle forme morbide e dai colori vivaci delle opere del celebre pittore Fernando Botero, abbiamo pensato ai Roscónes, un pane dolce tradizionale colombiano con la variante, nel ripieno, di una marmellata all’arancia.

 

Fernando Botero è sicuramente l’artista colombiano più conosciuto al mondo, noto per i suoi dipinti e sculture di soggetti dalle forme voluttuose e sensuali.

Botero fu influenzato da Francisco de Goya e Diego Velazquez e nei primi anni del proprio lavoro, dall’arte coloniale precolombiana e  spagnola e dai murales politici dell’artista messicano Diego Rivera.

Nel corso degli anni ’50 Botero comincia a sviluppare uno stile personale, che diventa la sua cifra stilistica, che verrà definita “Boterismo”, caratterizzata da figure di persone, animali e oggetti dilatate, che rimandano ad un’idea di prosperità, ispirati a temi popolari latino-americani.

Sorelle

Sorelle

Molti dei suoi quadri hanno anche un che di ironico che, attraverso la satira, denunciano i mali della politica e della Chiesa.
Ad esempio una serie di suo dipinti e disegni del 2005, chiamata “Abu Ghraib”, è stata ispirata agli abusi e torture nella prigione di Abu Ghraib in Iraq da parte dell’esercito statunitense.

I suoi dipinti (ad esclusione di poche eccezioni) hanno quasi sempre dai colori vivaci e carichi che danno una sensazione di vitalità, come la “Natura morta  davanti al balcone” (2000) con delle grosse e succose arance a cui ci siamo ispirati per la nostra ricetta.

Siamo andati a ripescare un dolce tipico colombiano, i Roscónes, di solito riempiti con una pasta di guava (una specie di marmellata che può vagamente ricordare quella di fichi), ma che noi abbiamo voluto coniugare con la marmellata di arance.

Roscónes alla marmellata d’arancia di Botero

botero-ricettarte-ev2Ingredienti

1 busta di lievito per dolci
4 cucchiai + 200 ml di acqua calda
100 grammi di zucchero
600 grammi di farina
70 grammi di burro fuso
1 bustina di estratto di vaniglia
2 uova a temperatura ambiente
240 grammi di marmellata di arance (o in alternativa Nutella)
1 uovo battuto e 1 cucchiaino di burro fuso per la glassa

Preparazione

Versare quattro cucchiai d’acqua tiepida in una ciotola grande. Aggiungere il lievito e 50 grammi di zucchero. Mescolare e lasciare riposare per circa 10 minuti.

foto-1

Aggiungere al composto la farina, 50 grammi di zucchero e 200 ml di acqua tiepida e mescolare con un cucchiaio di legno. Unire il burro fuso, l’estratto di vaniglia e le uova e continuare a mescolare. Per avere un impasto omogeneo lavorarlo con le mani su una superficie leggermente infarinata, per circa 5-8 minuti.

foto-2

Una volta ottenuta una palla omogenea e morbida ritrasferirla nella ciotola e coprirla con un canovaccio, lasciare riposare per almeno 2 ore, fino a che non raddoppia le dimensioni. Successivamente lavorare per 30 secondi, su una superficie pulita, l’impasto e dividerlo in 5/6 parti uguali. Coprite di nuovo con il canovaccio e lasciate riposare per dieci minuti.

foto-4

Prendere una parte e stenderla sino a ottenere un rettangolo stretto 5 cm. e lungo centimetri 10/15 cm. Mettete ½ cucchiai di marmellata di arance in ogni rettangolo. Arrotolare l’impasto per lunghezza e unire le estremità a formare un anello.

foto-6

Posizionare tutti gli anelli su un foglio carta da forno e coprire di nuovo con il canovaccio. Lasciar riposare per circa 25-30 minuti. Fare dei tagli nell’impasto lasciando 2-3 centimetri tra ogni tagli (vedere le foto).

foto-9

Spennellare la parte superiore degli anelli prima con l’uovo battuto e poi con il burro fuso. Preriscaldare il forno a 180 gradi per una decina di minuti e cuocere per 17-20 minuti.

img_20171107_204704

Fate intiepidire i roscones, serviteli e Buon Appetito!

idea e testo di Barbara Donzella

Foto ricetta ©Barbara Donzella

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

RicettArte: Polpette di castagne alla melagrana di Arcimboldo

RicettArte: Ghiaccioli cocomero, menta e lime di Frida

RicettArte: Tortillas di Diego y Frida

RicettArte: Parfait al lampone e papavero su petit-beurre di Mucha

RicettArte: Girasoli di pane alle olive e pomodorini di Van Gogh

RicettArte: Tagliatelle alle rose con crema allo zafferano di sir Waterhouse

RicettArte: Ichigo Daifuku alla nutella di Hokusai

RicettArte: Mousse pere e assenzio su cialda di caramello e fiori di Monet

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *