Sirena. Se i bambini ne incontrano una

23 agosto 2017 | commenti: Commenta per primo |

Una gita al mare con sorpresa.

Un giorno una sirena tra di noi,

Lisa ha 7 anni. E’ una bambina mora con i capelli lisci che arrivano alle spalle. Federico invece ne ha 8 con i capelli castano chiaro leggermente lunghi.

Sono molto amici, si conoscono da quando andavano all’asilo. I loro genitori da allora sono diventati molto amici.

Quest’estate si trovano tutti insieme in vacanza al mare in Sardegna,  a Cagliari.

Un giorno le famiglie organizzano una gita al mare. Prendono in affitto un gommone. Preparano borse con accessori vari da mare, pinne e occhiali, e il paniere per il pranzo al sacco.

Lisa e Federico sono emozionati di andare in gommone per la loro prima volta e di poter fare un bagno in alto mare insieme a tanti pesci.

‘Tutti pronti, si salpa!’ avverte il papà di Federico

‘Mollate gli ormeggi!’ grida Federico.

‘Forza avanti tutta!’ urla a squarciagola Lisa.

I due bambini si tengono stretti mano nella mano, con l’altra attaccata alla corda per non cadere.

Ad ogni sobbalzo si guardano prima impauriti e poi scoppiano in una forte risata. Che paura! Ma che emozione!

Dopo un primo lungo tratto di navigazione, il papà di Lisa che era alla guida del natante, rallenta e si ferma in un punto meraviglioso. Sembrava una piscina. L’acqua era così limpida che nonostante la profondità si vedeva benissimo il fondale e tutti i pesci che nuotavano in branco.

snorkelling

Indossate le pinne e le maschere Lisa e Federico si tuffano. All’inizio un pò timorosi per via dell’altezza, poi cominciano a incrociare i proprio sguardi sott’acqua e fare le bolle con l’aria.

C’erano tanti pesci azzurri e argentati che giravano tra le loro gambe. Banchi enormi che con guizzi veloci apparivano e poi sparivano. L’acqua era così trasparente che sembrava di stare in piscina.

Che eccitazione! Uno spettacolo come quello non se lo sarebbero mai dimenticato.

salento-bambini

Federico e Lisa tra uno sguardo e l’altro cercavano furtivi di acciuffarne qualcuno, ma nulla non riuscivano nell’impresa.

La mattina trascorse con salite e discese dal gommone. Le discese erano sempre con tuffo a bomba o a candela. La gara tra loro era a chi faceva più schizzi.

Ad un certo punto dopo uno degli ultimi tuffi ecco che da lontano vedono arrivare verso di loro un figura misteriosa. I due bambini si fermano uno accanto all’altro immobili sgranando gli occhi dentro le loro maschere colorate.

Ma cos’è? Non è un pesce, è troppo grande. Forse è un sub. No neanche, non porta ne maschera ne bombole. Allora cosa può essere, si chiedono silenzionsamente guardandosi negli occhi interrogativi.

O mamma mia, ma allora esistono! E’ una sirena!

Proprio come quella che qualche volta Lisa ha visto sui libri di favole. Ma non è possibile. ‘La mamma mi ha sempre detto che non esistono’ pensava Lisa tra sè e sè. Dovettero tornare subito su a galla per via del respiro che cominciava a mancare. Si misero a chiamare i propri genitori, sguazzando e sbattendo le braccia sull’acqua. Affannati per l’eccitazione cercarono di spiegare cosa avevano visto. Ma i genitori dal sopra il gommone non capivano per la confusione e poi perchè non erano particolarmente interessati, come spesso fanno gli adulti.

Si ributtarono dentro. La sirena era ancora lì. Bella, bionda, sinuosa. La sua coda verde azzurra fosforescente si muoveva lentamente per non allontanarsi troppo dai due bambini che fermi la guardavano meravigliati.

sirena

Lei gli sorrise e poi scappò via.

Quando tornarono a galla e risalirono sul gommone un pò tristi, cercarono di raccontare l’accaduto, sovrapponendo le loro parole. Ma nessuno li credette e anzi i genitori un pochino si arrabbiarono perchè facevano tanta confusione con le parole tra la felicità, l’eccitazione e il dispiacere di averla poi perduta.

Ad un certo punto furono zittiti. Bisognava ripartire e tornare a riva.

‘Vabbè non fa nulla se non ci crede nessuno’ disse Lisa a Federico. ‘La cosa più importante è che l’abbiamo vista noi e che mai ce la dimenticheremo’ confermò Federico.

‘Io mi sono divertita tanto con te’ disse Lisa ridacchiando e dando a Federico una gomitata leggera sul braccio. ‘Anche io’ disse lui, con lo sguardo perso nel vuoto.

 

di Pimpinella

Disegno di Viola De Vincentiis  (2013)

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *