Tortino di carciofi – Chef Cianciola, Osteria Circo

18 ottobre 2017 | commenti: Commenta per primo |

Il carciofo, re della cucina romana!

 tortino-di-carciofi

Tortino di carciofi – Ingredienti per 4 persone:

  • 4 carciofi di media grandezza
  • 200 gr di ricotta di pecora
  • 2 uova intere
  • 1 limone
  • Erbette aromatiche fresche
  • Sale
  • Olio extravergine d’oliva
  • Pangrattato
  • Burro
  • Olio di arachide

Procedimento per il tortino di carciofi

Andiamo a fare un piatto di recupero, visto che in cucina non si spreca nulla, con i gambi dei carciofi.

Una volta lavati bene i carciofi e mondati, tagliamo i gambi e con l’aiuto di un coltellino andiamo a togliere la parte esterna più legnosa. Li lasciamo in acqua fredda e limone insieme ai carciofi puliti. In un pentolino mettiamo dell’acqua, portiamo a bollore, ci tuffiamo dentro i gambi e il limone precedentemente lavato e tolta la buccia. Lasciamo cuocere fino a cottura i gambi.

Li togliamo dall’acqua e lasciamo freddare. Una volta tagliati per la lunghezza del gambo li mettiamo tutti intorno ad uno stampino di alluminio precedentemente imburrato e foderato di pangrattato, In una ciotola mettiamo la ricotta, erbette fresche tritate, la buccia del limone grattugiata, le uova intere, sale e amalgamare il tutto. Poniamo questa farcia all’interno dello stampino e copriamo con altri strisce di gambi, chiudiamo con pangrattato e un fiocchetto di burro. Inforniamo a 180° per 20 min.

Lasciamo raffreddare, sformiamo e serviamo insieme ai carciofi cotti in olio di arachide in due temperature. La prima portiamo l’olio a 150° e li facciamo cuocere fino a quando il cqrciofo non sarà tenero, una volta scolati e fatti freddare li apriamo con le mani e, una volta portato l’olio a 180°, gli diamo la seconda frittura dove andremo a dare croccantezza ai carciofi, scoliamo e condiamo con sale e pepe.

 

Ricetta dello Chef Fabrizio Cianciola – Osteria Circo

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *