Abiy Ahmed Ali, il premio Nobel green

16 ottobre 2019 | commenti: Commenta per primo |

Abiy Ahmed Ali il premio nobel impegnato per l’ambiente

Abiy Ahmed Ali, il primo ministro dell’Etiopia contro ogni pronostico, ha vinto il Premio Nobel per la Pace 2019. Impegnato in campagne per i diritti dell’uomo, ha posto fine alla lunghissima guerra con l’Eritrea, è impegnato anche nelle lotte ecologista, con la campagna #GreenLegacy. Questa sua campagna è riuscita a piantumare ben 350 milioni di alberi in un solo giorno. Avevamo parlato di alcune motivazioni per premiare Greta, ma giustamente molti non credevano che avrebbe potuto vincere. Senza offendere la ragazza, ma Abiy Ahmed Ali ha realmente raggiunto degli obiettivi veramente importanti. In questo scritto, parleremo dell’ambito puramente ecologico.

Abiy Ahmed Ali e la sua campagna #GreenLegacy:

Abiy Ahmed Ali è il primo ministro dell’Etiopia ed è diventato molto famoso a soli 43 anni, per aver ultimato il processo di pace con l’Eritrea, aver avviato importanti riforme a favore dei diritti umani e aver promosso “la riconciliazione, la solidarietà e la giustizia sociale”, come possiamo leggere nella motivazione ufficiale del Comitato Nobel di Oslo.

Ma quello che più ci colpisce, è sicuramente la sua campagna #GreenLegacy che significa eredità verde. Si è adoperato ad un’opera di rimboscamento dell’Etiopia. Quest’opera è stata la più grande mai fatta a livello mondiale ed è partita dal 29 luglio scorso piantando oltre 350 milioni di alberi in un solo giorno, lavorando in prima persona.

Il record mondiale:

Si tratta di un record a livello mondiale, che ha visto tantissimi abitanti impegnati. Il precedente era 66 milioni d’alberi piantati in India. Per raggiungere il record, ogni abitante dell’Etiopia è stato incoraggiato a piantare almeno 40 piantine in un sito specifico di piantumazione e si parla di oltre mille distribuiti nella nazione africana. Per dare un ulteriore incentivo, moltissimi uffici pubblici sono rimasti chiusi, in modo che i dipendenti statali potessero essere presenti all’evento.

Si puntava a piantare 200 milioni d’alberi nel 29 luglio scorso, ma si ha avuto una risposta che è andata oltre ogni aspettativa più rosea. La prossima giornata #GreenLegacy etiope punta ad un traguardo ancora più ambizioso, cioè far crescere fino a 4 miliardi di alberi nel Paese entro l’anno.

 

di Elide Groppi Munoz

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.