Allianz Vertical Run

20 marzo 2019 | commenti: Commenta per primo |

Ad Aprile a Milano l’Allianz Vertical Run 2019

Manca davvero poco al 14 aprile, quando la famosa torre milanese degli uffici di una delle compagnie assicurative più importanti del mondo sarà teatro di una sfida originale e suggestiva, la Allianz Vertical Run!

Dopo il successo della scorsa prima edizione, la Allianz Vertical Run si è guadagnata l’inserimento nel circuito mondiale di questo tipo di specialità, la corsa su grattacielo (Skyscraper Running) e pertanto quest’anno è la seconda prova ufficiale del Vertical World Circuit Official Race. Ed è anche Campionato italiano assoluto di Vertical Running!

I vincitori del 2018 rispondono al nome di Emanuele Manzi in 5’32” e tra le donne Valentina Belotti (6’44”) .

La torre Isozaki

La torre da scalare è considerata la più alta d’Italia per numero di piani, 50, e conta ben 202 metri.

La struttura prende il nome dall’architetto Arata Isozaki che, assieme ad Andrea Maffei, l’ha progettata ispirandosi al modello della endless Column, la scultura di Constantin Brâncuși che si trova nel parco della città rumena di Târgu Jiu, e che in entrambi i casi vogliono simboleggiare l’aspirazione di non conoscere limiti nel voler raggiungere il cielo.

L’estrema verticalità della torre milanese presenta una sovrapposizione di una serie di moduli alti sei piani ciascuno, che teoricamente sono ripetibili all’ infinito.

Ogni modulo è rivestito da una doppia pelle di vetro con una leggera curvatura verso l’esterno allo scopo di dare all’edificio una sensazione di vibrazione della facciata mentre la si guarda verso l’alto.

Ciascun piano, di circa 1.100 metri quadrati, è completamente illuminato da luce naturale per un totale di 53 mila metri quadrati di spazi interni tra uffici, aree tecniche, per il ristoro e il benessere, un auditorium collegato con due sale conferenze, una mensa, e la hall su due piani collegata con la metropolitana.

Come partecipare

Per poter prendere parte alla gara occorre avere almeno 16 anni, essere tesserati FISKY per il 2019 (niente paura, si può fare un ‘giornaliero’) e un certificato medico agonistico (o di sforzo cardiovascolare).

La gara si svolgerà salendo i 1027 gradini del grattacielo “Allianz Tower” (49 piani, con dislivello complessivo di 267 metri)

Il ritiro dei pettorali è fissato per la domenica stessa, presso il villaggio che sarà allestito in Piazza Burri, dalle 13 alle 15 e la partenza dei primi atleti è prevista dalle 15.30 fino agli ultimi, presumibilmente verso le 18.30.

I partecipanti saranno divisi in Atleti Top, di 1° livello e di 2° livello ed ulteriormente in sottogruppi per numero e sesso. Gi Atleti Top partiranno singolarmente su una delle due scale disponibili ogni 30 secondi, mentre gli atleti di 1° livello ogni 20 secondi ed infine gli atleti di 2° livello in gruppi di 3 persone, ogni 30 secondi.

QUI potete ancora iscrivervi all’incredibile corsa su grattacielo.

I numeri

50: i piani della Torre
49: i piani da scalare
202: i metri di altezza (207 dal piano città)
267: i metri di dislivello ufficiali della corsa
1027: gli scalini da percorrere!
450: il numero chiuso di partecipanti
24 x 61,5: i metri di larghezza x quelli di lunghezza della pianta
53.000: i mq di superficie totale
1.100: i mq per ciascun piano
24.000: i mq di vetrate
14.000: le tonnellate di acciaio
800: i km di cavi elettrici
35 x 8: i metri di altezza dell’insegna Allianz
7: gli ascensori, nonché la velocità degli ascensori (al m/sec)
1027: gli scalini!
450: il numero chiuso di partecipanti
3.800: le persone che può ospitare la Torre
2012-2015: rispettivamente l’anno della prima pietra e dell’inaugurazione della Torre

Le curiosità

La Torre Isozaki, a seguito dell’acquisto da parte dell’Allianz è ovviamente chiamata “Allianz Tower”, ma per molti è anche soprannominata “il Dritto”.

Nel 2015 è stata issata sulla sommità della torre una copia fedele della Madonnina, in quanto lo statuto di Milano prevede che sia presente sul tetto più alto della città.

di Lorenzo Sigillò

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Le corse di Marzo a Roma e non solo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.