#Andràtuttobene, ma i soldi ci sono per tutti?

14 aprile 2020 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Qualcuno dovrà rinunciare alle risorse economiche o non #andràtuttobene?

Messaggi di incitamento, biglietti, eroi dei nostri tempi, milioni di #andràtuttobene, canzoni e applausi dai balconi, un popolo unito come non mai sembra… sarà davvero così? A breve ne avremo un primo assaggio.

Questo ci sta consegnando l’incredibile e infinita quarantena dovuta al Covid-19, che ci sta facendo vivere un periodo storico in cui il governo, l’Europa e il Mondo intero sono costretti a prendere decisioni che non si vedevano dai tempi della seconda guerra mondiale.

Ma nell’epoca dell’immagine dove l’importatante è apparire, essere visibili, l’esposizione mediatica, condividere a parole i buoni sentimenti… siamo veramente così uniti? La morale, l’unità, il rispetto del prossimo, che spazio troveranno davvero dentro di noi a bocce ferme nell’attuale società?

È tutta ipocrisia o siamo cambiati, uniti, siamo davvero quelli dell’ #andràtuttobene?

Le manovre economiche a livello italiano ed europeo ci daranno il polso della situazione, il Governo si trova di fronte a fatti difficili e mai accaduti, quindi siamo ad una prima volta e, almeno vista questa situazione, riteniamo sia doveroso essere uniti e non attaccare a priori.

Dal popolo delle partita IVA alle aziende però, non tutti sembrano essere soddisfatti di quanto previsto e, a partire dal decreto Cura-Italia, proprio i primi sembrerebbero essere molti di più rispetto ai famosi 600 euro stabiliti a persona. E allora come si fa?

Si fa appello alla morale degli #andràtuttobene, degli “stiamo tutti uniti”. Se è vero che nelle banche italiane ci sono il maggior numero di risparmi pro capite di tutti gli altri paesi europei, ci aspettiamo che tra questi ci sia anche qualcuno degli #andràtuttobene, quelli dalla alta morale, quelli del grande paese… che magari per il mese di marzo, anche se nei parametri, non chiederà i 600 euro.

Non sono proprio loro che sanno che non ci saranno soldi per tutti? Avendo dei risparmi anche per queste cose, figurati se adesso danno l’assalto all’INPS.

In fondo siamo tutti italiani siamo tutti uniti, oppure no?

Sarebbe davvero interessante se si potesse verificare quanti di quelli che fanno domanda ne hanno davvero necessità.
Lo ricordiamo solo perché, se i soldi non dovessero bastare, è lecito pensare che qualcuno possa non ottenerli alimentando una tristissima guerra fra poveri.

Quello che pensiamo è che come al solito sarà una questione di morale, ma la morale non è sempre quella ‘per tutti’?

Sentimenti reali o voglia di apparire, il popolo italiano a breve lo dimostrerà…

di Francesco Raucci

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Le immagini Pixabay appaiono in Creative Commons CC0

Forse potrebbe interessarti anche:

Coronavirus in Italia in tempo reale

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.