Appia Run 2018, domenica 15 aprile la ventesima edizione

11 aprile 2018 | commenti: Commenta per primo |

Appia Run 2018, domenica 15 aprile

appia run 2Appia Run 2018 si corre subito dopo l’assolata Maratona di Roma di domenica scorsa ed è l’occasione per tornare a far girare le gambe su una distanza meno proibitiva. Ma non per questo proprio una passeggiata da affrontare.

Grandissima soddisfazione però, ogni anno, per i partecipanti ad una gara unica nel suo genere, che celebra una strada storica dell’antica Roma e il suo percorso permette di ammirare le bellezze del Parco Regionale dell’Appia Antica.

Con l’edizione 2018 si arriva al ventesimo anno della manifestazione, un grande traguardo per la questo evento podistico su strada ideata da Roberto De Benedittis, organizzata dall’ACSI Nazionale in collaborazione con ACSI Italia Atletica e ACSI Campidoglio Palatino, con il patrocinio di CONI, Fidal, Roma Capitale, Parco Regionale dell’Appia Antica e Parco Archeologico dell’Appia Antica.

La strada più moderna dell’antica Roma

appia run percorso“La strada più moderna dell’antica Roma”, come viene definita l’Appia, potrà essere percorsa in 13 km, con la gara competitiva e non, o in 4 km non competitivi.

La caratteristica dell’evento è la possibilità di poter correre su ben 5 pavimentazioni diverse: asfalto, sampietrino, basolato lavico, sterrato ed infine lo Sportflex, il materiale di cui è composta la pista dello Stadio delle Terme di Caracalla “Nando Martellini”.

Questo il percorso, che dovrebbe essere invariato rispetto allo scorso anno.

Citroen Roma Appia Run  – XX edizione

Vent’anni di grande passione per l’Appia run, che nasce nel 1999 complice la temporanea chiusura della Roma Ostia che portò all’idea di un circuito di 17,3 km. L’intenzione primaria fu quella di organizzare una gara in linea partendo dallo Stadio delle Terme di Caracalla e terminarla fin dove l’Appia Antica è percorribile.

Da lì venti edizioni con protagonisti molti atleti italiani ed internazionali del mezzofondo. Nel corso degli anni la corsa ha variato percorsi e distanze, transitando nel parco della Caffarella, partendo e arrivando allo stadio di Caracalla e anche attraversando la porta di San Sebastiano. Anche la data è variata spesso, alcune volte coincidendo anche col Natale di Roma e nel 2003 la corsa onorò persino la Pasquetta!

Quest’anno invece la gara cade in un altro giorno importante per molti sportivi, il derby di campionato calcistico tra Roma e Lazio e come accaduto anche in passato, si potrà scegliere di indossare una maglia della squadra preferita fornita dagli sponsor.

E non sono mancati connubi prestigiosi come nel 2009 con la Gazzetta dello Sport o nel 2014 con Samsung e nel 2016 con Amway, mentre lo scorso anno l’’Appia Run è stata anche trasmetta per la prima volta sui canali Sky! In questo 2018 del marchio Citroen!

Appia Run sociale

appia run 3La gara si è legata anche al mondo del sociale, nel 2015 ad esempio, con la campagna sulla prevenzione dell’abuso dell’alcool nelle giovani generazioni promossa dal Ministero della Salute e Istituto superiore della Sanità “Alchol Prevention Race”.

Quest’anno invece è arrivata anche la nuova collaborazione Telethon e tutti coloro che si sono iscritti alla Appia Run 2018 hanno potuto contribuire alla raccolta fondi a favore della Fondazione Telethon.

Inoltre all’evento ha già dato la sua adesione anche il campionissimo Giorgio Calcaterra, in qualità di testimonial del VIS (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo), che correrà nella manifestazione per raccogliere fondi per costruire un pozzo di acqua in Etiopia.

Chi succederà ai campioni dello scorso anno?

appia run 4La XIX edizione ha visto la vittoria di due italiani, tesserati per l’esercito, Said El Otmani e Nadia Ejjafini. Mentre sul podio si sono piazzati Roman Prodius e Said Dourmi per gli uomini e Meryem Lamachi Hanane Farhoun per le donnne. Tra i gruppi più numerosi, la Podistica Solidarietà ha portato al traguardo 319 atleti al traguardo, la LBM Sport con 250 ed i Bancari Romani ben 228.

I numeri dei partecipanti sono lievitati sempre più fino a ben sperare che l’edizione numero dell’Appia Run 2018 sfondi quota 6000!

Le novità

Tra le iniziative di quest’anno una bellissima medaglia commemorativa dei vent’anni della gara e la possibilità di un selfie con la foto gigantografia, allo Stadio delle Terme di Caracalla, dell’etiope Abebe Bikila. Qualcuno ovviamente potrà non conoscere questo atleta ma vi annunciamo che si tratta di un vero e proprio mito sportivo, perché questo signore qui, proprio sui sampietrini e sul basolato lavico dell’Appia Antica, vinse la Maratona Olimpica del 1960, conquistandola prima medaglia d’oro dell’Africa alle Olimpiadi!

Infine, grazie ad un accordo con l’Istituto di Medicina dello Sport, è stata data la possibilità a tutti i partecipanti alla gara e ai loro familiari di avere una visita di alto livello di professionalità medica, scientifica e sportiva a un prezzo agevolato.

di Lorenzo Sigillò

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Foto pubblicate per gentile concessione di Foto in Corsa (2017) che ne detiene ogni diritto © 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *