Appia Run 2019 di Roma

24 aprile 2019 | commenti: Commenta per primo |

Domenica 28 aprile ecco la 21esima edizione dell’Appia Run 2019.

appia run 3

FotoinCorsa.com ©

L’Appia Run 2019 si corre come da tradizione a poca distanza dalla Maratona di Roma, quest’anno uno spazio più ampio dopo aver dato anche spazio (in tutti i sensi) alla Formua E. E soprattutto dopo Pasqua, con l’occasione di smaltire le calorie anche delle festività.

Sempre piacevolmente ostico il percorso, per una gara unica nel suo genere, che celebra una strada storica dell’antica Roma e il suo percorso permette di ammirare le bellezze del Parco Regionale dell’Appia Antica.

21esima edizione questa dell’Appia Run 2019 l’evento podistico su strada ideata da Roberto De Benedittis, organizzata dall’ACSI Nazionale in collaborazione con ACSI Italia Atletica e ACSI Campidoglio Palatino, con il patrocinio di CONI, Fidal, Roma Capitale, Parco Regionale dell’Appia Antica e Parco Archeologico dell’Appia Antica.

La strada più moderna dell’antica Roma

“La strada più moderna dell’antica Roma”, come viene definita l’Appia, potrà essere percorsa in 13 km, con la gara competitiva e non, o in 4 km non competitivi.

La caratteristica dell’evento è la possibilità di poter correre su ben 5 pavimentazioni diverse: asfalto, sampietrino, basolato lavico, sterrato ed infine lo Sportflex, il materiale di cui è composta la pista dello Stadio delle Terme di Caracalla “Nando Martellini”.

Queste le 4 prove alle quali si potrà partecipare:
– Agonistica Km.13: riservata ai tesserati FIDAL, Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI e possessori di RUN CARD, purché in regola con le norme sulla tutela sanitaria dell’attività sportiva e che alla data del 28 aprile 2019 abbiano compiuto il 18° anno d’età.
– Non competitiva Km. 13: Aperta a tutti
– Non competitiva Km. 4: Aperta a tutti
– Fulmine dell’Appia: prove di velocità per i bambini, in programma il 27 aprile 2019 alle ore 15,00 sempre allo Stadio delle Terme di Caracalla.

Appia Run sociale

Con “Running for Ethiopia” parte un’iniziativa a sostegno del progetto del VIS, Volontariato Internazionale per lo Sviluppo, sulla formazione professionale e l’inserimento lavorativo di ragazze, ragazzi e giovani nella Regione di Gambella (Etiopia Occidentale) una zona molto complessa e conflittuale con la presenza di diverse etnie e e quasi mezzo milione di sudsudanesi, fuggiti da loro Paese. Il progetto punta sull’educazione per favorire la coesione sociale tra le varie etnie presenti nel territorio, sulla formazione professionale e l’inserimento lavorativo di ragazzi e giovani.

Inoltre, l’iniziativa favorisce l’integrazione tra le varie etnie dell’area grazie alla realizzazione di attività sportive e di scambio culturale.

Il progetto si inserisce in un programma più ampio avallato dal governo etiope e co-finanziato dall’AICS (Agenzia Italiana Cooperazione allo Sviluppo).  La campagna “Running for Ethiopia” è nata dal sostegno offerto a questo progetto dall’ACSI Italia Atletica e dalla Fondazione Mediolanum Onlus associato all’Appia Run 2019.

La medaglia dell’Appia Run 2019

Tornando alle corse in senso stretto, quest’anno è stata coniata una medaglia davvero belle, di quelle che fanno venir voglia di partecipare solo per appendere il trofeo in casa!

Disegnata dall’artista Desirée Perifano, simboleggia il piede di Abebe Bikila, il basolato lavico dell’Appia Antica e l’arco di Costantino dove arrivò la Maratona Olimpica del 1960 vinta dall’etiope.

Imperdibile corsa cari runners!

di Lorenzo Sigillò

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Foto pubblicate per gentile concessione di Foto in Corsa (2017) che ne detiene ogni diritto © 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.