ART.3. I giovani raccontano

24 luglio 2019 | commenti: Commenta per primo |

“ART.3 I GIOVANI RACCONTANO” : gli alunni della Mozart diventano autori

Ancora una volta l’I.C.”W.A.Mozart” vive e racconta un’esperienza didattica e formativa emozionante che riempie il cuore di orgoglio e fierezza.

Sabato 22 giugno, presso la Sala Convegni dell’Ostia Antica Park Hotel, ha avuto luogo l’evento conclusivo del concorso letterario “Il Mondo in un libro” ( abbinato alla XXI edizione del Mundialido) inerente al tema INTEGRAZIONE.

Vi hanno partecipato anche alcuni alunni delle classi 1L, 2H e 3 A del nostro Istituto: Sofia Parisi, Yara Passi, Flavia Duca, Giorgia Luzi, Carola Anna Rossetti (1 L); Giorgia Zannetti, Marta Fois, Emma Galafati, Vittoria Manno, Chiara Nardi, Stefano Baiosto e Paolo Costa ( 2H); Virginia Rosati, Carla Cenname e Beatrice Testa di 3 A che ha conseguito il Primo premio con il racconto Un mondo tinta unita.

Venti racconti in cui giovani penne raccontano quelle diversità che l’art.3 della nostra Costituzione recita come eguaglianza e dignità sociale da rispettare sono stati selezionati e raccolti in un libro dal titolo : “ART.3. I GIOVANI RACCONTANO” , edito da Edizioni Coralli, con la preziosa collaborazione delle Biblioteche di Roma, delle Scuole del X Municipio e del X Municipio, nella figura dell’Assessore alle Politiche sociali e alla Scuola Germana Paoletti.

Come scrive Nadia Tomasetta nella prefazione al libro

“ Art. 3 è un’antologia ricca di messaggi, parole di speranza scaturite da penne giovanissime. I ragazzi hanno narrato la propria storia, o quella di altri, con un’intensità emotiva che avvolge il lettore al di là della sintassi e dello stile; preziosi racconti di storie che parlano di coraggio, una miscela di avventure nate dalla disperazione; fughe da inevitabili tragedie attraversando il Mediterraneo, alla ricerca di una vita migliore e nuove possibilità. Episodi ricchi della sofferenza che precede l’integrazione, lunga e mai totale. Una migrazione di corpi che dopo giorni in fila, tutti eguali, diventano persone, ognuna con un messaggio diverso.”

I nostri giovani autori hanno partecipato, da protagonisti indiscussi, alla presentazione della loro preziosissima antologia, stringendo il “loro” libro tra le mani, scrigno di splendide ed emozionanti riflessioni che potranno essere lette, amate e – soprattutto- condivise anche con loro coetanei che vivono quelle solitudini e quelle sofferenze, senza il coraggio o la possibilità di esprimerle.

E la scrittura, ancora una volta, è risultata la difesa migliore alle proprie paure e a quelle degli altri, veicolando un messaggio di rispetto ed eguaglianza, declinato in venti stili diversi, in venti nomi diversi, in venti volti diversi. Tutti luminosi di coraggio, di speranza, di umanità.

 

a cura di Annalisa Parente

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.