Ballerine di colore e scarpette

26 maggio 2020 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Nella danza classica sono sempre di più le ballerine di colore

Al giorno d’oggi sono sempre di più le ballerine di colore che raggiungono il successo all’interno del mondo della danza classica: basta pensare a Misty Copeland, la farfalla nera, prima étoile afroamericana a ricoprire un ruolo principale nell’ American Ballet Theatre di New York, a Janelle Figgins, Ingrid Silva e tante altre.

Sono sempre esistite meravigliose e talentuose bellezze esotiche nel mondo della danza ma, come in tanti altri ambienti, l’uguaglianza razziale è stato ed è tutt’ora un percorso lastricato di spine.

La testimonianza arriva proprio dalle grandi compagnie di ballo che, dagli anni 70 in poi, hanno dovuto far colorare le scarpette alle ballerine di colore che volevano andare in scena: si trattava di un rituale complicato, quello della colorazione, che richiedeva a volte ore di lavoro, a causa della meticolosità richiesta nel pitturare punte, pieghe e nastri compresi.

Possibile grazie a fondotinta dalle sfumature più scure, la colorazione avvieniva tramite la famosa tecnica chiamata panckacking, che non eludeva però l’errore di indurire le punte, a causa della non adattabilità delle tinte per scurire le scarpette.

Le prime scarpette ‘dedicate’

Solo nel 2018 però Gaynor Minden, uno dei più famosi produttori di punte, ha messo in commercio le prime scarpette in varie gradazioni rispetto all’European Pink da sempre calzato ai piedi delle ballerine: si trovano nelle sfumature cappuccino, moka ed espresso, con i rispettivi collant, nastri ed elastici abbinati.

Un passo importante, che nasce da un’esigenza ben radicata di uguaglianza e che ha dato il via ad altre case di produzione come la londinese Freed of London nella creazione di varie colorazioni.

Molte sono le ballerine che hanno sfoggiato e ringraziato il brand per aver creato delle punte adatte a loro, tenendo conto delle differenze di genere.

Tra le tante spiccano Michaela De Prince che sulla copertina per Harper Bazaar Nederland  sfoggia le punte  Gaynor Minden in uno scintillante vestito di Gucci.

di Marta Boraso

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Immagini fonte Instagram, tutti i diritti sono dei rispettivi proprietari

Forse potrebbe interessarti anche:

Giallo Pastello nuova tendenza dell’estate 2020

 

 

 

 

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.