Botti no grazie, Biscotti per Capodanno

28 dicembre 2018 | commenti: Commenta per primo |

Botti? Meglio i Biscotti!

Botti di Capodanno? Macchè, “Biscotti non botti”, E’ lo slogan degli animalisti più ‘accesi’ ma anche dei semplici amanti degli animali alla vigilia del 31 dicembre.

E’ infatti una sera momento terribile per cani, gatti ed animali in generale. Non ce ne vogliano produttori e commercianti dei vari ordigni! Anzi, auguriamo a loro tantissima fortuna per il 2019! Ma per questa notte maledetta, la rubrica Tablet Pet non può che auspicare meno rumore possibile.

capodanno-cani-gattiSono già diversi anni che molti Comuni italiani emettono ordinanze di divieti di Capodanno in tal senso, ma non basta. Eppure dovrebbe essere ancor più d’obbligo in un momento storico dove il terrorismo è una minaccia concreta ed in termini di sicurezza la normale priorità sarebbe quella di cercare di evitare queste situazioni.

Ma dove la legge non arriva, quando il buon senso non basta e se la sensibilità degli animali non interessa, vince la goduria di sparare petardi e botti che per taluni diventa una strana priorità e quindi l’unica difesa per gli animali domestici va messa in atto i padroni.

Capodanno. Consigli utili per difendere i vostri pets

Il consiglio principale è di tenere la porta d’ingresso e finestre chiuse e di non lasciarli all’aperto, perché naturalmente il rischio maggiore a seguito del panico è che scappino dalla prima via di fuga che trovano. Sarà importante cercare di lasciare loro liberi i posti dove possano rifugiarsi come sotto il letto, nelle cucce o anche negli armadi. Ma soprattutto lasciate fare a loro!

Sceglieranno infatti dove nascondersi e la vostra unica cura deve essere di non lasciarli soli e magari andare nella stessa stanza con loro. Non cercate inoltre di tirarli fuori dal loro rifugio. Quando l’ambiente sarà più tranquillo mettetegli vicino un po’ di acqua ed il loro cibo preferito.

Alcuni buoni trucchi sono di comportarsi normalmente, parlargli con voce calma e se ve lo consentono di tenerli in braccio, ma lasciarli andare quando si divincolano e cominciano ad agitarsi.

Manco a dirlo evitate catene o altre costrizioni; una buona soluzione è invece cercare con radio o televisione di creare un po’ di “rumore bianco” di fondo. Attenzione però non alzate al massimo il volume!  Ricordate infatti che la loro sensibilità uditiva è ovviamente alta e sempre molto superiore alla nostra.

 

Augurandoci che non occorra, in caso di pericoli o smarrimenti potete usare la nostra pagina Facebook Tablet Roma.

di Lorenzo Sigillò

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.