Cibi surgelati, come comportarsi

8 agosto 2018 | commenti: Commenta per primo |

Si ricorre spesso all’acquisto di cibi surgelati, o a surgelare il cibo in casa. Ecco qualche accorgimento

 

Cibi surgelati, un mito da sfatare? Certamente no. Sempre più spesso si ricorre all’acquisto e all’uso dei cibi surgelati perchè il tempo a disposizione per la cucina istantanea è sempre meno. La preparazione di prodotti acquistati al mercato è laboriosa. Vanno capati, lavati, sminuzzati o affettati, e infine cucinati.

Un alimento, o addirittura un piatto già pronto, surgelato rende più facile e veloce tutta questa operazione.

Intanto una piccola distinzione tra surgelato e congelato. La surgelazione è un trattamento industriale che consente la conservazione di alimenti per lungo tempo portando la temperatura in tempi velocissimi  a -18 °C. Ciò consente la formazione di cristalli di ghiaccio piccoli che non intaccano la composizione cellulare dell’alimento. Evita pertanto la perdita di liquidi e dissonanze nutritive. Il congelamento è un procedimento ‘casalingo’, che avviene in un congelatore standard, a tempi relativamente lenti, ad una temperatura che generalmente non supera i -15°C. Si formano dei cristalli di ghiaccio più grossi e quindi un maggior apporto di acqua all’interno dell’alimento che ci ritroviamo al momento dello scongelamento.

Entrambi i metodi permettono di conservare il cibo per tempi lunghi. Sono garanzie di conservazione ottimali dal punto di vista igienico e nutrizionale. Ma è necessario prendere degli accorgimenti per utilizzare i cibi surgelati acquistati o fatti in proprio.frutta-surgelata

Innanzitutto la durata della conservazione. Non superare i mesi consigliati sulle confezioni. Ogni alimento si distingue anche per la durata. Controllare pertanto le scadenze con attenzione. Se si congelano glia alimenti a casa, scrivere sulla confezione la data di realizzazione. Non riempire mai troppo il vano congelati. Il frigorifero ne soffrirebbe nel suo funzionamento generale. Se per qualsiasi motivo dovesse mancare la corrente per lungo tempo, verificare quanta autonomia ha il vostro congelatore e verificare lo stato di conservazione degli alimenti dopo diverse ore. Attenzione a non far ricongelare i cibi.

Nei supermercati è sempre maggiore la possibilità di scegliere tra moltissimi prodotti.

Si va dalla dalla verdura a foglia che riesce a mantenere il sapore dell’appena colto o quelle divise in piccole porzioni, come ad esempio i cubetti di spinaci. Si trovano patate affettate sottili, patate fronte per essere fritte, oppure il minestrone a dadini, i legumi (fagioli e piselli).

Nonostante sia più difficile da conservare si trova anche della frutta, che devono prima subire un trattamento antiossidante altrimenti si anneriscono. Parliamo di banane, pere, mele, pesche, frutti di bosco e fragole. Poi la carne sia rossa che bianca (pollo, coniglio) che conserva inalterate le proteine. Il pesce fra il quale sono ottimi il merluzzo atlantico, il nasello, i pesci piatti e magri come la sogliola e la platessa che grazie alla pelle spessa possono essere conservate in freezer per sette-otto mesi, i molluschi e i crostacei.

verdura-surgelata-700x520Ci sono però alcuni alimenti che è bene mangiare freschi. Alcuni modificano la loro consistenza, cambiano sapore o perdono parte delle lor proprietà nutrizionali. Queste sono in particolare aglio, cipolla, peperoni verdi dolci, salvia, chiodi di garofano e fritti.  Fra gli ortaggi  la lattuga, i pomodori, il sedano, i cetrioli e altre verdure da insalata.

Per il pane, la pasta e la pizza i nutrienti si mantengono. Il pane però perde parte della sua fragranza. Paste crude da pane e da pizza possono essere invece conservate anche a -10°C, così come tortellini e ravioli purché surgelati senza condimento.

Tutto si può fare, basta prendere le dovute precauzione nella pulitura degli alimenti prima di ogni operazione di congelamento. E quando si acquista controllare bene che la confezione si integra e non battuta o conservata in confezioni di carta rovinata o ammosciata.

E’ estate, godetevi i cibi freschi e preparate conserve per l’inverno.

Buon cibo a tutti!

a cura della redazione

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.