I COLLI DI ROMA NEL RINASCIMENTO

10 aprile 2018 | commenti: Commenta per primo |

Dal 10 aprile al 12 giugno, lo splendido Museo nazionale etrusco di Villa Giulia ospita un ciclo di conferenze di Filippo Coarelli, a cura di Maria Paola Guidobaldi.

i-colli-di-roma-nel-rinascimento“I colli di Roma nel Rinascimento”, otto conferenze per immaginare una Roma diversa, rinascimentale, come non l’avete mai vista e scoprire le bellezze custodite nel Museo nazionale etrusco di Villa Giulia.

Esquilino , Aventino, Campidoglio, Celio, Palatino, Quirinale e Viminale saranno al centro del ciclo  ideato e curato da Maria Paola Guidobaldi, che racconterà i paesaggi dei Sette Colli di Roma dipinti nell’omonima Sala al piano nobile della cinquecentesca villa di Papa Giulio.

Un viaggio nel passato affidato a Filippo Coarelli, i cui studi sulla topografia della Roma antica costituiscono uno dei filoni più corposi e costanti di una produzione scientifica sterminata.

Gli 8 appuntamenti, della durata di circa un’ora e mezza, cominceranno il 10 aprile per concludersi il 12 giugno 2018, secondo il calendario di seguito riportato.

La partecipazione alla conferenza è inclusa nel costo del biglietto d’ingresso al museo, con le riduzioni e le gratuità previste per legge.

L’ingresso è gratuito per i titolari dell’abbonamento, che può essere sottoscritto anche al momento del primo ingresso e che offre molte altre opportunità.

È obbligatoria la prenotazione, entro le ore 12.00 del giorno della conferenza: mnetru.comunicazione@beniculturali.it

di Barbara Donzella

I colli di Roma nel Rinascimento

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Sala della Fortuna ore 17.30

martedì   10 aprile 2018     Introduzione

mercoledì 18 aprile 2018   L’Esquilino

martedì   8 maggio 2018    L’Aventino

martedì   15 maggio 2018  Il Campidoglio

martedì   22 maggio 2018  Il Celio

martedì   29 maggio 2018  Il Palatino

martedì   5 giugno 2018     Il Quirinale

martedì   12 giugno 2018   Il Viminale

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.