Diario della Zevi

15 maggio 2019 | commenti: Commenta per primo |

Il Diario della Zevi: intervista a Diana Di Sebastiano e Federica Gabriele

Dal mese di marzo 2019 è nato il Diario della Zevi, mensile di informazione per le famiglie dell’Istituto Comprensivo Tullia Zevi. Incontriamo le ideatrici di questo fantastico progetto editoriale, Diana e Federica, due mamme impegnate che hanno molto a cuore la scuola, il luogo dove i nostri bambini trascorrono tante ore della giornata.

Come è nata l’idea di un giornalino cartaceo per le famiglie dell’Istituto?

L’idea di creare una newsletter per i genitori e gli alunni dell’Istituto è nata nell’ambito del Comitato Genitori al fine di avere uno spazio, una “piazza virtuale” in cui i genitori potessero confrontarsi su tematiche di interesse e, nel contempo, essere informati sulle varie attività della scuola, in un’ottica di trasparenza che il Comitato Genitori persegue come sua mission.

Nel corso del tempo l’idea iniziale si è evoluta: io e Federica abbiamo intravisto nella possibilità di trasformare la newsletter in un giornalino cartaceo una grande opportunità. Da un lato quella di raggiungere più persone possibili, dall’altro quella di dare modo anche ai più piccini, i nostri bimbi della materna, di riconoscersi nelle foto, nei lavoretti svolti in classe e negli articoli pubblicati, perché anche questo crea senso di appartenenza e maggior apprezzamento del lavoro svolto dagli insegnanti.

Perché questo nome, Il Diario della Zevi?

Abbiamo pensato molto al nome da dare al giornalino e, alla fine, abbiamo optato per un nome che ne evocasse i contenuti: ci piaceva l’ idea di affidare al giornalino, proprio come si fa con un diario, i pensieri, le emozioni e le esperienze vissute a scuola o fuori scuola da noi tutti, alunni e genitori della Tullia Zevi.

Nel mese di marzo 2019 è uscito il primo numero cartaceo: come è stata l’accoglienza da parte delle famiglie?

Il giornalino viene distribuito gratuitamente fuori dai plessi ai genitori e agli alunni dell’istituto, da me e Federica; il primo giorno della consegna, ricordo che i genitori ci hanno guardato sorpresi, a volte sospettosi, altre curiosi ed entusiasti. Dobbiamo dire che realizzare questa iniziativa non è stato facile; abbiamo dovuto superare molte difficoltà e delusioni, soprattutto per chi non ha creduto in noi e nella nostra idea di scuola “partecipata”. Dopo l’uscita del primo numero abbiamo ricevuto molto sostegno e grande apprezzamento da parte di tutti, non solo genitori ma anche docenti dell’istituto.

Il giornalino assume una valenza non solo didattica ma anche sociale

Certamente, il giornalino assume una rilevanza fondamentale: dal punto di vista sociale, stiamo lavorando per la valorizzazione del territorio e la creazione di importanti partnership a vantaggio delle famiglie e dell’istituto.

Ad esempio, solo per citare alcuni esempi, grazie al giornalino, gli alunni della Tullia Zevi da Bi trattoria mangiano gratis; le famiglie tutte hanno la possibilità di avere sconti anche consistenti (fino al 40%) presso i nostri sponsor; importanti studi e professionisti del settore stanno mettendo a disposizione dei genitori incontri gratuiti e consulenze su temi particolarmente delicati quali autismo, bullismo, rapporto genitori –figli; il circolo del golf, nostro “vicino di casa”, con la collaborazione del centro di yoga Bijia, ha creato un evento unico dedicato proprio alle famiglie della Tullia Zevi, evento che ha riscosso grande partecipazione da parte delle famiglie della Tullia Zevi, e molte altre inziative.

Il giornalino riveste un’importanza fondamentale, a nostro avviso, anche per l’istituto.

Esso, infatti, si pone come strumento di comunicazione non solo tra le famiglie dell’Istituto e la scuola (grazie ad esso, infatti le famiglie possono conoscere le numerose ed interessanti attività che la scuola svolge), ma come collante della scuola verso il territorio, affinchè si stimoli l’interesse verso il nostro Istituto.

Dal punto di vista didattico, nella scuola secondaria stiamo creando una piccola redazione formata da alunni che, con adesione volontaria, hanno manifestato la volontà ed il piacere di scrivere articoli durante il loro tempo libero.

Inoltre, grazie al nostro impegno, hanno avuto la possibilità di incontrare ed intervistare campioni del mondo dello sport (es. Perrotta e Tonetto) con i quali hanno condiviso l’importanza di alcuni valori basilari quali l’impegno, la perseveranza ma anche l’importanza dello studio e della cultura in generale.

 

a cura della redazione

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.