Dune du Pilat

31 ottobre 2018 | commenti: 2 |

Un frammento di deserto portato in Francia dal vento

Dopo avervi portato alla scoperta della splendida Bordeaux e degli oltre 100 chilometri di vigneti, che si trovano a poche decine di minuti di macchina dalla città, stavolta vi facciamo conoscere una Meraviglia della Natura, le Dune du Pilat!

Proseguiamo il nostro viaggio spostandoci di circa 70 km a sud-ovest della città del vino, in un luogo diverso,  talmente bello e particolare, da sembrare d’essere proiettati  direttamente nel film di Bernardo Bertolucci “Il tè nel deserto”.

Stiamo parlando della Dune du Pilat (o Dune du Pyla) una distesa di sabbia con una duna alta oltre 100 metri. La più alta d’Europa!

Situata nel comune La Teste-de-Buch, all’ingresso del Bacino di Arcachon, la spettacolarità del posto sta nell’essere in pieno deserto e, al tempo stesso, circondati da due oceani, da un lato quello verde dell’ immensa foresta di pini alti sino a 30 metri delle Landes de Gascogne, dall’altro quello blu intenso dell’Oceano Atlantico disseminato di piccole isole.

Questa lingua di sabbia lunga circa 3 chilometri è in continuo mutamento e avanza, ogni anno, di diversi centimetri verso l’entroterra.

Questa duna, in realtà, non è sempre esistita.

Secondo numerosi studi, infatti, si sarebbe formata a partire dall’Ottocento da un processo di erosione, quando un’enorme quantità di sabbia, trasportata dal vento e dalle maree, si è accumulata su questo tratto di costa, ricoprendo parte della pineta circostante.

Pensate che nel 1855 la Dune du Pilat misurava solo 35 metri di altezza!

Le dimensioni attuali della duna potrebbero comunque farvi credere di poter raggiungere l’Oceano con una comoda passeggiata, ma come abbiamo imparato a nostre spese, qui, camminare è un’impresa titanica.

Sì, perché ad ogni passo i piedi sprofondano nella sabbia sino alla caviglia, dando l’impressione di trovarsi quasi nelle sabbie mobili.

Per raggiungere la Dune du Pilat si lascia la macchina in un grande parcheggio, accanto al quale è stata allestita una zona ristoro con bar, ristorantini e negozietti. Da qui parte un piccolo sentiero pedonale tra ginestre e pini marittimi che, in circa 15 minuti di cammino, arriva ai piedi della duna.

La cosa divertente è vedere lo sguardo pietrificato della gente (lo stesso che gli altri avranno visto in noi!) che arriva davanti alla duna e si trova davanti questa montagna di sabbia. La sommità è infatti raggiungibile solo inerpicandosi su una ripida scalinata in legno  o scalando la duna… a voi la scelta del male minore!

Lo sforzo vale però la pena perché, arrivati in cima, i profumi portati dal vento, l’azzurro carico del cielo e dell’Oceano, il bianco luminoso della sabbia, il verde smeraldo della foresta e i tanti uccelli di diverse specie che volano sopra le vostre teste o si accomodano al vostro fianco, sono un’esperienza talmente bella e inconsueta da bloccarvi affascinati e sorridenti.

Di fronte alla duna si trova infatti la Riserva naturale di Banc d’Arguin, un isolotto di sabbia (lungo 4 e largo circa 2 km) che ospita una fauna molto ricca di numerose specie come beccapesci, fratino o beccaccia di mare.

Per la vostra gita alla Dune du Pilat ricordate di portare un paio di occhiali da sole, un cappello e dell’acqua, perché d’estate qui il sole è molto forte e, dopo la zona ristoro, non troverete più nulla. E mi raccomando, non dimenticate il telo da mare, per stendervi su questa sabbia calda, setosa e finissima!

La Duna di Pilat è raggiungibile in treno da Bordeaux, direzione Arcachon e poi, dalla stazione, con l’autobus (Linea n. 1) “Gare d’Archachon-Dune du Pilat”.

di Barbara Donzella

 

Foto courtesy ©Lorenzo Sigillò

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

 

 

Francia del Sud. Bordeaux e i suoi incantevoli vigneti

2 commenti

  • Daniela ha detto:

    Sto progettando di andare a Bordeaux per le feste natlizie, nella pratica quanto tempo ci vuole da Bordeaux per arrivarci, si fa a/r in giornata?
    c’è la neve a dicembre?fa freddo?abbigliamento?
    Grazie, Dani

    • barbara ha detto:

      Ciao Daniela,
      per arrivare ad Arachacon da Bordeaux ci vogliono circa 50 minuti (in treno) e poi dalla stazione, col bus n. 1 che porta alla spiaggia, circa una ventina di minuti. In macchina in totale ci vogliono circa una quarantina di minuti.
      Io sono stata a metà settembre, ma un paio di persone che conosco, che sono state in inverno, hanno detto di aver trovato la neve (ma sicuramente tocca tenere d’occhio il meteo).
      Quello che sicuramente ti posso consigliare è di indossare sopra il piumino una giacca a vento, perché il vento dell’Atlantico è molto forte e se d’estate può essere piacevole, d’inverno lo è sicuramente meno.
      Spero di averti aiutato e se avessi qualche altra curiosità, sono qui.
      Barbara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.