Domenica elezioni in Polonia: e il Coronavirus?

5 maggio 2020 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Domenica prossima, 10 Maggio, in pieno ‘clima’ Coronavirus Covid-19, si dovrebbe votare in Polonia.

Si dovrebbe votare in Polonia, il condizionale è d’obbligo, anche se siamo nell’ultima settimana prima del voto di domenica prossima.

Unico Paese in Europa ad andare in elezioni in questo periodo di Pandemia, la Polonia si trova a pochi giorni dalle elezioni senza sapere se le stesse si faranno e in che modalità.

Ufficialmente ci sono cinque candidati, tra cui il Presidente uscente, Andrzej Duda, 47 anni, salito alla ribalta nazionale una decina d’anni fa e vincitore al secondo turno alle ultime elezioni presidenziali del 2015.

Nel clima confusionale in cui tutta l’Europa si trova per via del Coronavirus, la logica sarebbe stata un rinvio delle elezioni di un anno, come è avvenuto in ogni Paese Europeo, ma l’opzione è stata respinta dal Partito di Maggioranza in Polonia, “Law and Justice” (PiS), che vuole dimostrare con queste elezioni che può tranquillamente gestire in Paese in ogni suo aspetto, da quello sanitario a quello sociale e politico, come nessun altro paese Europeo e nella stessa sintonia d’intenti dell’Ungheria.

Non è un caso che questi siano anche i due Paesi dell’Unione Europea che abbiano meno casi (rapportati al numero della popolazione) di contagiati e morti da Coronavirus.

Da una prima lettura sembrerebbe che la Pandemia sia un mezzo di sfruttamento politico dei due maggiori Partiti dei due Paesi, più che un’emergenza sanitaria da risolvere.

La realtà dei fatti è che a pochi giorni dalle elezioni presidenziali in Polonia, non è sicuro che si voterà.

Il Senato non ha ancora ratificato la validità della richiesta del Parlamento, ma il Parlamento, a maggioranza PiS, sta andando avanti con stampa di schede, un tentativo maldestro di distribuzione delle medesime e ancora non è chiaro come si voterà: per posta oppure nei seggi?

Per diverse settimane, i funzionari del PiS hanno pubblicamente assicurato che le elezioni postali si terranno il 10 maggio, “al 100 per cento”, che “saranno in grado di svolgersi in conformità con la legge”, e “la posta sarà pronta”.

Ma ora, a pochi giorni prima di quella data, tuttavia, le stesse persone dicono che “la scadenza del 10 maggio è una data difficile da attuare”.

Senza ombra di dubbio è Caos istituzionale in Polonia.

Meno di una settimana prima della scadenza delle elezioni presidenziali fissata per il 10 maggio, non è ancora chiaro se si svolgeranno in quel giorno, se si svolgeranno in maggio in un’altra data ed in particolare a quali condizioni.

Secondo la Legge attuale, i polacchi dovrebbero eleggere un Presidente domenica, andando ai seggi elettorali.

Nessuno potrebbe votare per corrispondenza per la Legge attuale.

Ma il 31 Marzo il Governo ha introdotto una serie di provvedimenti che di fatto hanno modificato questa parte di Legge introducendo soluzioni speciali relative alla prevenzione del COVID-19.

Tuttavia, lo scudo anti-crisi 2.0 adottato il 16 aprile, ovvero l’atto su specifici strumenti di supporto in relazione alla diffusione del virus SARS-CoV-2, ha abolito il diritto di voto per corrispondenza.

Conseguentemente la legge sul voto per corrispondenza è ancora all’esame del Senato. Secondo la Costituzione, ha tempo fino al 6 maggio per esprimersi. In pratica 4 giorni prima delle elezioni.

Tuttavia, i preparativi per le elezioni per corrispondenza sono in corso da diverse settimane. Secondo i resoconti politici e dei media, le carte sono state stampate, i pacchetti elettorali sono stati completati.

Durante tutto questo tempo, i principali politici del PiS, hanno sostenuto che le elezioni del 10 maggio avranno luogo – per posta.

Lunedì 4 maggio si è verificato un cambiamento nella narrazione del campo dominante, ma non è stata fornita alcuna soluzione.

Analizzando le dichiarazioni dei deputati PiS sulla possibilità di fare elezioni per corrispondenza il 10 maggio, è chiaro che il quadro è confuso e a questo punto, anche se si forzerà la mano per andare a votare, è facile che le elezioni possano essere annullate con conseguente caos politico che al momento nessun Paese al Mondo sarebbe in grado di affrontare.

Motivo principale per cui le elezioni sono state spostate di un anno in ogni Paese europeo, a parte la Polonia.

I possibili scenari considerati dai media e dagli avvocati della Polonia sono innumerevoli ed è difficile credere che domenica si voti.

In pratica sarebbero sorpresi anche nel Partito della maggioranza e proprio nelle ultime ore Dworczyk ha dichiarato: “È molto probabile che non saremo in grado di preparare le elezioni il 10 maggio“.

Ed alcune ore dopo anche Sasin concordava con il suo compagno di Partito che le elezioni del 10 maggio erano difficili da realizzare. “Penso sia molto probabile che non saremo in grado di preparare le elezioni a causa delle tensioni politiche, ma continuo a sperare che si terranno comunque il 10 maggio” – ha dichiarato Michał Dworczyk, capo della Cancelleria del Primo Ministro lunedì sera.

Abbiamo una situazione politica difficile, una crisi di coronavirus, una crisi economica e gravi tensioni politiche. Credo che questa settimana conquisterà il senso di responsabilità dello stato e i parlamentari approveranno la legge che consente lo svolgimento di elezioni per corrispondenza“, ha aggiunto.

Ma Sasin, in un’altra intervista ha detto: “Non è possibile preparare il processo elettorale in due giorni. La data del 10 maggio è una data difficile meglio considerare altre date, magari il 17 o 23 maggio“.

In parole povere il Partito del Primo Ministro, continua a forzare la mano per una votazione “a tutti i costi”

E questo anche se ancora non si sa che il modello della scheda di voto, debbano essere ordinati pacchetti elettorali, a specificare la procedura dettagliata per consegnare pacchi elettorali da parte delle Poste Nazionali all’elettore e raccogliere le buste di ritorno con il voto, e quindi come gestire le buste restituite e consegnarle alla commissione elettorale distrettuale comunale competente.

Nonostante tutto questo, Sasin ha accusato anche nelle ultime ore l’opposizione e il Senato di “questa confusione” ed ha accusato direttamente il Senato di aver deciso di silurare le elezioni presidenziali in Polonia.

Quindi quali sono i possibili scenari d’uscita? Secondo l’ordine del giorno della riunione, il Senato sarà in grado di votare la legge sul voto postale universale il 5 o 6 maggio. In caso contrario, il conto verrà considerato accettato senza modifiche e verrà inviato al presidente per la firma.

D’altra parte, se il Senato introduce emendamenti all’Atto ed anche se il PiS riuscirà a respingerli (e non è certo se PiS avrà la maggioranza richiesta, visto che all’interno dello stesso Partito sono oramai maturati malumori espressi pubblicamente) e il presidente Andrzej Duda firmerà il disegno di legge, entrerà in vigore solo pochi giorni prima della data elettorale.

In pratica senza possibilità concreta di andare ad elezioni.

In poche parole, in questi giorni in Polonia non si parla di Coronavirus, ma di politica e la preoccupazione della gente è notevole, i possibili scenari sono innumerevoli e poco rassicuranti, qualsiasi sia la soluzione che si adotterà.

Di certo, moralmente e politicamente, la supponenza e per certi versi l’arroganza, del Partito di Riferimento del Primo Ministro, il PiS, potrebbe avere conseguenze drammatiche per la Polonia. Una caduta di credibilità politica internazionale che è stata conquistata con fatica negli ultimi 30 anni, ma che oggi è fortemente a rischio perché’ si sono voluti mostrare i muscoli più che usare la logica davanti al problema del Coronavirus.

di Massimo Usai

foto © di Massimo Usai

http://www.massimousaiphoto.com
http://www.massimousai.co.uk

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Forse potrebbe piacerti anche:

Viaggio a Varsavia

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.