Giornata per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

14 novembre 2018 | commenti: Commenta per primo |

Il 20 novembre si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

Il 20 novembre 1989 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

E il 20 novembre di ogni anno si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, per ricordare questa storica data.

Oltre 190 Paesi nel mondo hanno ratificato la Convenzione, tra i quali compare anche l’Italia.

Nonostante vi sia maggior attenzione nei confronti dei diritti dei più piccoli, ancora oggi tanti bambini e adolescenti sono vittime, anche nel nostro Paese, di abusi, violenze, discriminazione ed emarginazione.

I principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sono quattro: non discriminazione; il superiore interesse dei bambini e delle bambine deve avere la priorità; il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo; ascolto delle opinioni del minore.

La Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia ha riconosciuto, inoltre, ai bambini il diritto:

  • all’uguaglianza senza distinzione o discriminazione di razza, religione, origine o sesso;
  • ai mezzi che consentono lo sviluppo in modo sano e normale sul piano fisico, intellettuale, morale, spirituale e sociale
  • ad un nome e una nazionalità;
  • a una alimentazione sana, alloggio e cure mediche;
  • a cure speciali in caso di invalidità;
  • ad amore, comprensione e protezione;
  • all’istruzione gratuita, attività ricreative e divertimento;
  • al soccorso immediato in caso di catastrofi;
  • alla protezione contro qualsiasi forma di negligenza, crudeltà e sfruttamento;
  • alla protezione contro qualsiasi tipo di discriminazione ed il diritto ad un’istruzione in uno spirito d’amicizia fra i popoli, di pace e di fratellanza.

C’è ancora tanto da fare, ma sensibilizzare ed educare è sicuramente un ottimo punto di partenza per costruire un futuro migliore per i bambini che saranno gli uomini e le donne di domani.

Anche a Roma sono previsti alcuni eventi e noi ci teniamo a segnalarvene due:

Mercoledì  21 novembre alle 10.30

Presso l’Aula Magna della Sapienza Università di Roma – Piazzale Aldo Moro 5, si terrà l’iniziativa “A matita siamo tutti uguali”, in cui 600 bambine e bambini delle scuole del Municipio Roma II, con la loro semplicità,  racconteranno le loro storie, oltre le differenze legate alle etnie di provenienza.

Partendo dalle parole di coloro i quali dai primi anni di vita convivono in un mondo integrato.

Martedì 20 novembre alle ore 21

L’Officina Pasolini organizza l’evento speciale “Roba da grandi”, con Giorgio Panariello e Tosca, coordinato da Alessandra Vitali e alcuni piccoli pazienti dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma, protagonisti del cortometraggio diretto da Rolando Ravello, intitolato appunto Roba da grandi, che verrà proiettato durante la serata.

Il corto racconta, in pochi minuti, la storia del reparto pediatrico di un ospedale in cui il magico mondo del cinema irrompe e regala serate indimenticabili ai piccoli pazienti, che vengono magicamente proiettati nella scena più famosa del capolavoro di Stanley Kubrick, Full Metal Jacket, insieme a un sergente/dottore (Panariello) che li sprona ad affrontare le avversità con l’arma più efficace di cui dispone un bambino: il potere dell’immaginazione.

Durante la serata si alterneranno sul palco vari artisti, tra cui lo stesso Giorgio Panariello e Tosca, per leggere alcune favole tratte dal volume Storie vere e magiche di piccola, grande felicità a cura degli artisti di Every Child Is My Child.

Sarà anche un’occasione per raccogliere fondi a favore non solo di Every Child Is My Child ONLUS, ma anche di Medicinema Italia ONLUS e dell’associazione Salvamamme.

Mi raccomando, accorrete numerosi!

di Martino Del Volo

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

 

Cherofobia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.