Gonfietti di Carnevale, un’alternativa golosa!

19 febbraio 2019 | commenti: Commenta per primo |

A carnevale ogni golosità è concessa!!!

Adoro le frappe ma non ho mai capito il senso delle castagnole, così compatte e inclini ad assorbire tutto l’olio, ed è per questo che in questa festività preferisco a loro i gonfietti, così soffici e morbidi da sciogliersi in bocca.

Quando li cucinava mia mamma, io rimanevo a debita distanza ma mi divertivo a vederli girarsi da soli in frittura!

Per i più golosi è possibile riempirli di crema pasticcera o di crema alle nocciole utilizzando una sac à poche con un beccuccio sottile.

Il piacere è assicurato!!!

gonfietti

I GONFIETTI

Ingredienti:

200g farina

25 g zucchero semolato

50 g burro

4 uova

1 limone bio

50 g Zucchero a velo

Olio per friggere

Sale

Procedimento:

Dopo aver portato ad ebollizione i 250g di acqua, buttatevi dentro la farina e mescolate in fretta. Aggiungetevi lo zucchero, il burro, un pizzico di sale, la scorza grattugiata del limone. Rimestate energicamente il composto sbattendolo contro le pareti del recipiente.

Lasciate cuocere fintanto che la pasta si staccherà dalle pareti del recipiente e apparirà compatta e liscia, il che dovrebbe avvenire in 5 minuti. Toglietela allora dal fuoco, lasciatela raffreddare e unitevi, uno alla volta, le uova. Mettete al fuoco un tegame non eccessivamente grande e a pareti alte con abbondante olio (deve riempire per tre quarti il tegame).

Non appena l’olio sarà caldo (non bollente, altrimenti i dolcetti non avranno il tempo di gonfiarsi e di aumentare di volume), immergete poco per volta il composto, facendolo scendere da un cucchiaino o da una tasca di tela a bocchetta liscia. Formate delle palline regolari che farete dorare rigirandole con la forchetta (tendono a girarsi anche da soli).

Man mano che i gonfietti si aprono e diventano rosati, scolateli dall’olio, adagiateli su una carta assorbente, lasciateli raffreddare leggermente e spolverateli con lo zucchero a velo.

 

di Giorgia Conti – La Rosa del dessert

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.