I rifiuti elettronici sono una miniera d’oro!

3 luglio 2019 | commenti: Commenta per primo |

I rifiuti elettronici sono balzati agli onori delle cronache come una vera e propria ricchezza.

Buone notizie dai rifiuti elettronici. Non è un momento felice per la raccolta rifiuti in molte grandi città, Roma tra tutte è al collasso, in condizioni storiche mai accadute e davvero preoccupanti.

In attesa che l’amministrazione capitolina e l’AMA risolvano una crisi senza precedenti, la notizia interessante arrivata dal Politecnico di Milano è che nei nostri computer, telefonini, tablet, stereo e tv, si nasconde una miniera d’oro!

Basti pensare che da una tonnellata di roccia di una miniera cosiddetta d’oro si estraggono 50 grammi d’oro, mentre da una di rifiuti elettronici se ne possono estrarre almeno 100 grammi, nonché 300 chili di rame e 100 chili di altri metalli tra cui stagno e piombo.

Come estrarli

L’estrazione dei minerali dai rifiuti elettronici non è certo semplice, i rifiuti vanno smontati per ottenere le schede, che vengono tritate minimamente nonché attaccate chimicamente per corrodere i metalli in maniera selettiva.

L’importanza della raccolta differenziata

Ma il primo passo importante è il nostro, ovvero differenziare correttamente le apparecchiature elettriche ed elettroniche, possibilmente nelle isole ecologiche attrezzate nei quartieri e nelle città.

di Martino del Volo

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Immagine Pixabay in Creative Commons CC0.

Forse potrebbe interessarti anche:

re:MARS 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.