Il Ritorno dei Segugi

9 ottobre 2019 | commenti: Commenta per primo |

Non solo Segugi – Il Ritorno!

E così l’estate è passata, il grande caldo ha lasciato il posto a temperature più accettabili e siamo pronti per iniziare la stagione autunnale degli allenamenti di mantrailing sportivo con i cani di Amici di Fido Onlus ospitati dal Canile Valle Grande di Roma.

Alcuni dei nostri protagonisti dei precedenti allenamenti (Titti, Traccia e Mammina) sono stati nel frattempo adottati. Erano cani splendidi, e siamo veramente felici per loro e per le famiglie che hanno avuto la fortuna di innamorarsene e li hanno portati a casa.

Dunque la nostra squadra è adesso composta da Orso, Russell, Roger, Big, Charlie, Ciro e la new entry Vinnie.

I volontari di Amici di Fido oggi sono tanti, capitanati dalla Vice Presidente di Amici di Fido Barbara-Ann White, tutti con delle bellissime magliette e marsupi arancioni con il logo dell’associazione, pronti ad imbarcarsi in una nuova avventura, sorridenti ed emozionati.

Alcuni di loro sono stati presenti ai precedenti incontri e sanno già di cosa si tratta, ma per altri è tutto totalmente nuovo. Dunque facciamo una piccola lezione di teoria sull’olfatto del cane, sul mantrailing e sulla gestione della lunghina.

Si parte con Roger: giovane, pieno di energia ed entusiasmo.

Si comporta proprio bene il nostro Roger, sia durante la vestizione sia nelle “fughe” che occorrono al cane per capire il lavoro da fare. Grandi applausi per lui, e anche grande stupore…

Spesso tendiamo a sottovalutare i nostri cani, le loro capacità olfattive e le loro potenzialità.

Poi è il turno di tutti gli altri: Big super eccitato, Orso che ci fa sentire il suo abbaio da segugio quando si lancia verso il figurante, Charlie che è un po’ distratto dai cani dei recinti vicini, Russell che si emoziona a vedere tante persone in campo, Ciro che da buon labrador si focalizza (giustamente!) sul premio in cibo, ed alla fine la dolcissima Vinnie, segugia tigrata, che finge di svenire per evitare di lavorare.

Troppe emozioni per lei, come prima volta. Si riprende subito comunque, una volta uscita con una delle volontarie per una lunga passeggiata.

Chissà che esperienze traumatiche ha vissuto prima di arrivare qui con suoi quattro cuccioli… non li ho potuti conoscere perché sono stati subito adottati, come spesso capita.

Le mamme invece restano, con i fantasmi di un passato orribile che stentano a dimenticare.

Amici di Fido Onlus

Ma l’amore e l’attenzione dei volontari di Amici di Fido la aiuteranno a superare tutto questo, ed a riprendere fiducia nell’uomo e nel mondo, finché anche per lei si apriranno le porte di una bella casa ed il male subito sbiadirà in un lontano sempre meno brutto ricordo.

Questi cani sono, ognuno a suo modo, commoventi nel loro impegnarsi con un’esperienza totalmente o quasi del tutto nuova, in cui il “gioco” si vince se c’è collaborazione tra cane e conduttore.

I conduttori a loro volta iniziano a prendere dimestichezza con la lunghina, imparano a gestirla senza aggrovigliarla intorno alle mani.

Ci vuole tempo, lo dico sempre a tutti, come quando si impara a guidare l’automobile e i primi mesi (o anni!) la preoccupazione è più il cambio delle marce che stare attenti alla strada davanti a noi.

Anche questa in fondo è una strada da percorrere, e tutti i conduttori, quando si saranno affrancati da quei 5 metri di lunghina che si annoda continuamente, inizieranno finalmente ad osservare i cani davanti a loro, ed impareranno a “leggere” la loro postura: testa, spalle e coda dicono tantissimo… basta saper guardare con attenzione.

Andremo per gradi, inserendo di volta in volta nuove nozioni e consolidando ciò che è stato appreso.

Abbiamo tempo, tutto quello in cui questi meravigliosi cani saranno ospiti del Canile Valle Grande, accuditi, amati e sostenuti dall’associazione Amici di Fido Onlus.

Naturalmente speriamo che questo tempo sia il più breve possibile e che con il nostro piccolo contributo ognuno di questi campioncini impari ad affrontare la vita familiare in modo sereno, senza timore delle persone e dell’ambiente.

E chissà se magari qualche adottante si possa incuriosire di un cane che, se pur proveniente da un canile, è esperto di attività cinofile complesse come il mantrailing sportivo, in cui la precisione, la concentrazione e la collaborazione con l’uomo sono il segreto del ritrovamento del figurante.

Noi ci contiamo. Alla prossima…

La Fotogallery! ©

di Elena Cannella

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Forse potrebbe interessarti anche:

Il Bulldog Inglese (Viaggio nelle razze canine 18)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.