InformaconFede: l’anti personal trainer

18 dicembre 2019 | commenti: Commenta per primo |

Informaconfede: intervista all’ “anti-personal trainer” Federica Accio

Sono le 21:00 di un freddo venerdì d’inizio dicembre. La tavola, d’un tratto, trema. “Oddio – penso – cos’ho combinato?”, prima di accorgermi che è arrivata un mail: è Federica, la mia personal trainer. O meglio, la mia “anti” personal trainer.

Dovete sapere, prima di curiosare le domande di quest’intervista, che nel corso della mia vita sono passata dall’essere un’atleta agonista super impegnata al fondermi col divano di casa, fino a diventarne quasi parte integrante.

Non c’era palestra, video, personal trainer o completino fluo che riuscisse a convincermi! La mia costanza l’avevo, per un periodo, soprannominata “Casper”. Sì, appunto, invisibile.

Poi, però, ho conosciuto Federica Accio. Laureata ISEF, un curriculum vitae che trabocca d’esperienza e, soprattutto, tanto cuore.

C’è chi dice che i miracoli non esistano, magari è vero, magari no… Lei un piccolo miracolo, con me, l’ha fatto ed è proprio per questo che voglio presentarvela.

Ciao Federica, iniziamo con la domanda più inaspettata nella storia delle interviste: ci parli un po’ di te?

Sono Fede, giovane vecchiarda di 44 anni. Adoro gli gnocchi alla Sorrentina, l’insalata russa ed il cioccolato alla menta! Ho due bimbi pelosi, Leo e Brenda e vivo in una casetta in collina.

Quando, e come, nasce il progetto “Informaconfede.com”?

“Informaconfede.com” nasce nell’ aprile del 2018 dopo aver lavorato per 20 anni in numerosi centri fitness di Lombardia, Piemonte e Veneto. Ho scelto di proporre un servizio di personal training alternativo al classico fitness “no pain, no gain” stile military…

Tu lavori molto con i social, io stessa ti ho conosciuta scrollando la mia home di Instagram comodamente sciolta sul divano, però volevo sapere: cosa pensi dell’influenza che questi ultimi esercitano sull’educazione al fitness?

Ai social devo il mio piccolo grande successo. Se “usati “ bene, sono un grande volano per chi vuol raggiungere un elevato numero di persone.

A chi si rivolge, nello specifico, il tuo progetto?

“Informaconfede” si rivolge a chiunque voglia fare attività fisica in maniera corretta. La “ginnastichina” Informaconfede, chiamata così perché è come se fosse un’ amica, segue le Linee Guida dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità, perciò senza eccessi per l’organismo.

Si adatta a qualunque esigenza di remise en forme. Dai 15 ai 70 anni.

Tu ti definisci una “anti-personal trainer”, con tanto di “antiallieve” al seguito: cosa significa per te anti? Questo tuo insolito, ma senz’altro originale, appellativo come viene interpretato all’interno del settore?

“Anti-personal trainer” vuole prendere un pochino le distanze dai P.T. che non sono attenti alle reali esigenze delle persone seguite.

Si allena in sicurezza, con particolare attenzione alla salute e, poi, si pensa al “kiulo”! Ad oggi, antialleno circa 5000 antiallieve; molte con video homefitness, ma sempre di più con video studiati appositamente per essere svolti in palestra.

Ultima domanda! Facciamo finta che tu debba porre una firma alla fine di questa chiacchierata utilizzando, al posto di nome e cognome, proprio la tua risposta: che messaggio vorresti lasciare ai lettori di Tablet Roma che ancora non ti seguono e che, magari, si avviano al primo appuntamento con il fitness?

Ai lettori di Tablet Roma consiglio di scegliere un’attività fisica che sia adatta al loro livello fitness attuale, che tenga conto degli eventuali acciacchini fisici e doni loro un senso di leggerezza sia fisica che mentale.

Se siete arrivati fino a qui, magari vi starete chiedendo come fare ad affidarvi a lei.

Giusto?

Beh, vi svelo il primo tra i più fondamentali segreti dell’anti-fitness: credere in voi stessi.

Che magari vi parrà pure un po’ banale, lo so, ma tra tutti i miracoli che le videoschede di Federica possono realizzare, questo è l’unico che dipende unicamente da voi.

Perché se c’è una cosa che posso svelarvi d’aver imparato negli ultimi mesi di anti-allenamento è proprio la coscienza personale che si nasconde dietro alle parole “stare bene”, nel più profondo tra i suoi significati.

Per tutto il resto… Non preoccupatevi!

Munitevi di un buon paio di scarpe da ginnastica e seguite Federica nel suo Mondo fatto di benessere, Instagram e Facebook.

di Paola Martin Rosset

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Forse potrebbe interessarti anche:

Le abbuffate natalizie

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.