inQuiete Festival

8 ottobre 2019 | commenti: Commenta per primo |

inQuiete è festival di scrittrici che si terrà a Roma dall’11 al 13 ottobre 2019

 

inQuiete Festival giunto alla sua terza edizione si svolgerà lungo l’isola pedonale del quartiere del Pigneto. E’ un festival dedicato alla scrittura delle donne nato dall’esigenza di dedicare un tempo e uno spazio al talento e all’intelligenza delle donne. A coloro che hanno lasciato un segno importante nella letteratura di oggi e di ieri.

E’ organizzato dall’Associazione Mia e dalla Libreria delle donne Tuba.

inQuiete vuole rompere i pregiudizi con tre giornate dedicate alle donne che scrivono, alle lettrici e ai lettori, per riaffermare il valore della scrittura delle donne e difendere lo spazio conquistato negli ultimi anni.

In questa terza edizione a inQuiete si alterneranno presentazioni delle ultime uscite editoriali, confronti, brevi ritratti di scrittrici del passato, reading, e laboratori di lettura per bambine e bambini.

Roma, Libreria Tuba
Festival inQuiete 2019
©Musacchio, Ianniello & Pasqualini

Saranno presenti autrici italiane, europee, statunitensi, indonesiane, curde e turche

Kathleen Alcott, Valeria Ardone, Annalena Benini, Cristina Cassar Scalia, Elisa Casseri, Gaja Cenciarelli, Concita De Gregorio, Nadia Fusini, Chiara Gamberale, Feby Indirani, Loredana Lipperini, Michela Marzano, Valeria Parrella, Veronica Raimo, Lidia Ravera, Elvira Serra, Nadia Terranova, Miriam Toews, Miriana Trevisan e Simona Vinci.

Ci sarà un incontro con Michela Murgia dedicato alla teologia femminista. Si parlerà di movimenti e migrazioni – in particolare con Chiara Ingrao, Elena Stancanelli, Annalisa Camilli e Francesca Mannocchi -, di esilio con Pinar Selek, scrittrice turca condannata all’ergastolo nel suo paese, di corpi violati che resistono insieme alla scrittrice francese Adélaïde Bon, di corpi liberi che si fanno luogo di sperimentazione, con Eva Baltasar e con l’attrice e performer Chiara Bersani che in questa sede presterà a inQuiete la sua voce leggendo Marina Cvetaeva e Widad Nabi.

Gli appuntamenti con Ritratti di Signora vedranno protagoniste Mercè Rodoreda, Edith Wharton, Virgilia D’Andrea, Susan Sontag, Nella Nobili, Clarice Lispector, Dolores Prato, Lucia Berlin e Chavela Vargas.

Si parlerà di altre scrittrici che hanno formato il nostro DNA.

Valeria Solanas in un incontro dal titolo “Dall’età ridicola alla biografia di Valerie Solanas: fra opera ed editoria” con Margherita Giacobino, Cristina Petrucci e Monica Pietrangeli e di Elsa Morante in un reading di Iaia Forte introdotto da Romana Petri.

In continuità con le scorse edizioni, si parlerà di poesia insieme a Widad Nabi, poeta curdo-siriana e con un incontro dal titolo “La poesia è viva”.  insieme a Manuela Fraire, Silvia Bre, Laura Pugno e Lidia Riviello.

Ci sarà anche lo spazio inQuiete Kids appuntamenti per bambine e bambini e per i loro educatori. Si giocherà e ci si divertirà in modo irriverente tra letteratura e teatro. Gli incontri sono pensati per un pubblico che va dai 3 ai 15 anni. Tra le autrici coinvolte: Ritanna Armeni, Nadia Terranova, Vichi De Marchi, Lilith Moscon e Carola Susani.

I luoghi di InQuiete.

Saranno principalmente tre i poli culturali che ospiteranno il festival. La Libreria delle donne Tuba, la Biblioteca Goffredo Mameli, grazie alla prosecuzione della collaborazione con Biblioteche di Roma e per la prima volta il Cinema Avorio.

Nasce in questa edizione Galassia inQuiete. Si tratta di una costellazione di scrittrici che incontrerà il pubblico all’interno dei locali e degli spazi culturali del quartiere Pigneto.

Infine ci sarà giovedì 10 ottobre un’anteprima e presentazione del programma del 2019 a “Grande come una città”, in gemellaggio con le attività culturali che si svolgono nel Terzo municipio, con la presentazione di Barracoon di Zora Neale Hurston.

Potete seguire il festival su: www.inquietefestival.it

qui il programma

@inquietefestival

a cura della redazione

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.