La Brexit e… il pesce perso!

15 gennaio 2021 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Brexit e pesce, un rapporto difficile!

Senza troppe sorprese da parte di chi lo diceva da quattro anni, I pescatori scozzesi non possono vendere il frutto delle loro pescate in Europa a causa dei ritardi amministrativi associati alle nuove norme sul commercio tra il Regno Unito e l’UE.

Il problema è che i ritardi significano che quando il pesce sbarca dalle imbarcazioni scozzesi e arriva all’asta nei mercati, non è più abbastanza fresco da soddisfare le richieste dei commercianti e dei clienti.

Di conseguenza, riferisce The Independent, il prezzo di alcuni pesci è crollato fino all’80%.

Considerando che l’industria della pesca britannica esporta il 70 per cento delle sue catture nell’Unione europea, il problema è decisamente serio.

Il nodo della pesca

Secondo l’organismo rappresentativo dell’industria Scotland Food & Drink, alcuni pescherecci scelgono ora di sbarcare le loro catture in Danimarca piuttosto che nei porti britannici.
Un pescato sbarcato in Danimarca può essere sulla strada per Parigi o altri importanti mercati in Europa, Molto più velocemente ed evitando costosi ritardi.

Il nodo della pesca è stato uno degli ostacoli che ha rappresentato quasi una bandiera per i sostenitori del Brexit. Il controllo delle acque territoriali è stato fin dal principio un cavallo di battaglia che ha scosso le anime patriotiche dei sostenitori del Brexit ed è stato quasi l’unico punto politico di personaggi come Farage.
L’accordo trovato su questo punto alla Vigilia di Natale, ha permesso di sbloccare l’intero accordo UK/Europa ed era stato presentato trionfalmente da Boris Johnson, in una conferenza stampa che in molti nel Regno Unito hanno definito “Imbarazzante”.

L’accordo è stato descritto come una vittoria per l’industria della pesca nel Regno Unito dal primo ministro Boris Johnson, ma da allora l’industria stessa ha trovato pochi punti di cui vantarsi ed esultare.

Burocrazia e problemi reali

Mentre il governo britannico è riuscito a conquistare alcuni punti sulle quote di pesca per le imbarcazioni straniere, ci saranno sei anni per essere pienamente avvertiti.

Nel frattempo, pescatori e commercianti stanno riscoprendo la burocrazia che era un problema del genere prima dell’adesione del Regno Unito all’UE (CEE com’era).

La questione era un ostacolo al commercio tale che è stato il Regno Unito a guidare la corsa alla creazione del mercato unico europeo nel 1994 –in tempi in cui i politici erano decisamente più preparati di quelli attuali – un’utopia commerciale che il paese avrebbe poi lasciato volontariamente solo 22 anni dopo, nel 2016 con il famoso Referendum.

Decine di camion carichi di pesce non sono riusciti a lasciare la Scozia in tempo da quando sono entrati in vigore i regolamenti completi sulla Brexit il 1 ° gennaio di quest’anno“, ha detto Scotland Food & Drink in una dichiarazione alla BBC pochi giorni fa.
La confusione sui documenti, la documentazione aggiuntiva necessaria e i problemi IT hanno contribuito a ritardi e ritardi“.

O fresco o invenduto!

Per un prodotto come il pesce e i frutti di mare, anche un leggero ritardo può rendere impossibile la vendita di una “pesca” e le nuove procedure accumulano ritardi.

Le piccole spedizioni inviate come test in Francia e Spagna – due paesi normalmente accaniti consumatori di frutti di mare scozzesi – richiedevano tre giorni per raggiungere la loro destinazione, quando in precedenza sarebbe bastato un giorno.

I nostri clienti si stanno di fatto ritirando“, ha detto a Reuters il commerciante Santiago Buesa di SB Fish. “Quando vendi un prodotto fresco i clienti si aspettano di averlo fresco, quindi non stanno acquistando. E ‘una catastrofe.

Cosa succederà nei prossimi giorni è difficile da immaginare, ma di certo non è possibile per l’industria del pesce inglese continuare in questa maniera.

Tra l’altro, quello che sta accadendo questi giorni, è solo l’anticipazione di quello che capiterà in Primavera, quando altri prodotti freschi, questa volta dell’agricoltura, incontreranno lo stesso identico problema.

di Massimo Usai
www.massimousai.com

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione del testo, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche

Forse potrebbe interessarti anche:

L’economia si sposta fuori città

 

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.