Lasciare pulito non siamo a Napoli!

9 gennaio 2019 | commenti: Commenta per primo |

Cartelli offensivi contro Napoli: Pordenone nel mirino delle critiche

“Lasciare pulito, non siamo a Napoli!”, queste le parole che si leggono sui cartelli trovati appesi ad alcuni cassonetti dei rifiuti nel pordenonese. Parole che sembrano aver colto nel segno, questa volta però in maniera decisamente negativa, tanto da aver attirato l’attenzione di un cittadino di origine napoletana residente nella provincia friulana, il quale avrebbe subito provveduto a diffondere in rete le immagini di tale fatto, giudicato ai più come un gesto offensivo ed indelicato nei confronti del capoluogo campano e dei propri cittadini.

Il sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani, replica ad alcune accuse mosse sui social nei confronti della città e della sua gestione prendendo le distanze da quanto accaduto. “Trattandosi di un caso isolato, non capisco come sia diventato un caso mediatico, tuttavia si tratta dell’opera di un cretino con cui l’intera città di Pordenone non ha assolutamente nulla a che fare” risponde in rete, invitando la proprià città a non ricorrere a dubbie “scorciatoie”, quali insulti e sbeffeggiamenti, per renderla un luogo ordinato ed accogliente.

Il Comune non si è soltanto limitato a distanziarsi dal fatto, bensì ha immediatamente provveduto alla rimozione di suddetti cartelli non appena giunta la notizia, dimostrando soliedarietà ed uno spiccato senso di collaborazione.

Sarà stato sufficiente per farsi perdonare l’indesiderato fatto?

Questo ancora non è del tutto certo, mentre da Napoli giungono repliche social alquanto sarcastiche (e non) sulla, si spera, ormai fugace e conclusa vicenda.

di Paola Martin Rosset

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.