Lizzo, chi è la cantante di ‘Juice’

3 aprile 2019 | commenti: Commenta per primo |

E’ il nome nuovo del panorama musicale: Lizzo!

Il sogno di Lizzo è interpretare Ursula, la cattiva del film d’animazione La Sirenetta, ma la ragazza sorridente e dalle ciglia luccicanti che appare nel video della sua Juice ha tutta la dolcezza di una principessa Disney.

Melissa Viviane Jefferson, classe 1988, è popstar fino al midollo, ma allo stesso tempo artista. Canta, balla, suona, e tutto quanto con un carisma illimitato.

Il suo album in uscita si chiama Cuz I Love You, e mai titolo fu più calzante nel rappresentare la visione del proprio creatore.

Perché chi Lizzo l’ha sentita alla radio – che sia per Juice, la vivacissima canzone co-scritta da Theron Thomas degli R. City e dal prolifico Ricky Reed, o la più cadenzata Good As Hell, colonna sonora del film La Bottega Del Barbiere 3 – non può non averne un’impressione meno che ottima.

Il sottogenere del self-empowerment anthem, la canzone volta a sollevare l’autostima dell’ascoltatore, è una tradizione presente nel mondo del pop sin dagli albori.

Lizzo vi si cimenta con dedizione affettuosa, riempiendo di canzoni di questo genere tutto il suo ultimo EP, Coconut Oil. Laggiù, Good As Hell e le sue cinque cugine parlano di Lizzo come di chi ascolta.

La ragazza ha un talento particolare nel far identificare il pubblico mentre da potere a sé stessa.

Ci provò Meghan Trainor nel lontano 2014, con canzoni indubbiamente simpatiche, ma mal strutturate e dal latente sapore di plastica nonostante il sound retro doo-wop.

Ci provò Alessia Cara un anno dopo, con una canzone, Scars To Your Beautiful, la cui fangosa e deprimente base incastrava qualunque parola di conforto. Quando Lizzo dice If I’m shiny, everybody gonna shine, e credi a ogni singola sillaba.

E quando canta Juice non soltanto fa venire voglia di ballare, ma sembra addirittura che lei stessa ti porga una mano ingioiellata, le cui unghie lunghe e laccate non graffiano, per condurti in pista a divertirsi con lei. Esatto, divertirsi.

Lizzo è una popstar in un mondo dove le popstar sono una rarità, e sfoggia con grazia i costumi e i gioielli luccicanti di ogni vera diva.

Già iconica è, sempre dal video di Juice, l’uniforme da fitness con body fucsia e leggings neri. Ensemble che, abbinato alla coda di cavallo ritta in cima alla testa, crea un’irresistibile atmosfera anni ottanta.

E questa che si vede – e si sente – da queste canzoni è una nuova Lizzo, quasi impossibile da associare con la rapper dura e tutta d’un pezzo che cantava la propria abilità e il proprio fascino nei suoi primi due album in studio Lizzobangers e Big Grrl Small World, i suoi primi due album più hip-hop e meno orecchiabili.

Allo stesso tempo la si può incontrare in uniforme da Sailor Moon, con spesse trecce corvine e morbidi afro puffs al posto dei celebri odango della guerriera lunare.

Questo al Voodoo Music & Arts Experience dell’anno scorso, dove ha parlato anche del suo album in uscita. La prima messa in mostra della nuova Lizzo – quella R&B dalle ciglia luccicanti. Lizzo canta empowerment anthems sin dagli albori della sua carriera – a chi non ha ascoltato Let ‘Em Say, il suo duetto con la cantante Caroline Smith, oggi Your Smith, consiglio caldamente di recuperare – e continuerà a farlo finché le piacerà.

La copertina scelta per Cuz I Love You, Perché Ti Amo – o Vi Amo, considerando il carattere artistico della cantante – raffigura un garbato nudo di Lizzo privo di ritocchi e promette pertanto un album dall’atmosfera intima.

Uscirà il 19 Aprile e verrà accompagnato da un tour in Nord America, che avrà inizio il 14 aprile a partire da San Francisco. Tra le tracce che ne faranno parte c’è Tempo, collaborazione con l’istrionica Missy Elliott fresca di aggiunta (meritata) alla Songwriters Hall Of Fame, assieme a una traccia intitolata Jerome e dedicata a un ex omonimo.

Cosa ci promette l’album? Sicuro altro self-love, oltre a un testamento di tutte le varietà di musica che hanno accompagnato la cantante nella crescita.

In un’intervista per il The Guardian lo scorso anno, la cantante paragona la propria opera a un menu. “Abbiamo ananas, cornetti, salsicce – quali preferite? MI pare che se sei brava a gestire tanti stili diversi è difficile accontentarsi di uno solo.”.

Al nuovo album, la cantante ha lavorato per tre anni, e solo l’estate scorsa ha selezionato le canzoni che ne avrebbero fatto parte.

E come ultima chicca, Lizzo è anche flautista. Il suo flauto traverso si chiama Sasha, possiede un profilo di Instagram da quarantamila seguaci, e accompagnerà la sua proprietaria al suo primo show al Coachella. Al quale, senza dubbio, farà faville.

di Maria Flaminia Zacchilli

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.