Michele Cusano, fotografo

21 novembre 2018 | commenti: Commenta per primo |

Michele Cusano, quando la fotografia è bellezza

 

Da due anni organizza eventi nell’ambito della fotografia, curioso di raccontare attraverso il suo obbiettivo il mondo che lo circonda. La carriera fotografica di Michele Cusano è la straordinaria storia di chi ha scelto di rimanersene lontano dalla banalità per dare ad ogni scatto energia e personalità. “Fra dieci anni mi piace immaginarmi con la mia fedele compagna di viaggio, (la macchina fotografica) al collo in giro per il mondo – racconta – a catturare albe e tramonti, paesaggi, città e monumenti, in compagnia di una modella che possa esaltarsi nel contesto”. Idee chiare per Michele, nato a Roma 43 anni fa, che nella vita gestisce attività commerciali nel mondo della ristorazione. Due anni fa, la folgorazione a suon di flash e obbiettivi.

Come nasce questa tua vocazione?

Due anni fa ho avuto la mia prima esperienza fotografica con la modella Martina Tosi, dopo avermi trasmesso grandi emozioni ho voluto approfondire la mia cultura fotografica e ho seguito un corso fotografico con Giuseppe Mignola. Un autentico maestro dell’obbiettivo che, con la sua passione per la fotografia, mi ha trasmesso la curiosità di disegnare con la luce e con le ombre.

Ed è stato l’inizio di un percorso.

Da quel momento ho voluto confrontarmi con il mondo che mi circondava. Cosi sono uscito fuori ed ho iniziato a scattare e a pubblicare i miei scatti: non mi interessava ciò che la gente pensava di quello che stavo pubblicando. Ho accettato critiche, complimenti, ho accettato rifiuti ed approvazioni.

Tanto che sono nati progetti di rilevanza nazionale.

Nel mese di luglio, essendomi appassionato ad una Vespa degli anni 60 e traendo ispirazione dal film “Vacanze Romane” di Gregory Peck, ho deciso di sviluppare un progetto fotografico intitolato “Come in vacanze romane”. Fiero del risultato ottenuto, ho deciso di lavorare su un nuovo progetto fotografico con una Harley-Davidson e sono alla ricerca della modella più adeguata affinché anche questa volta possa ottenere riscontri positivi.

Ma non solo.

Voglio realizzare un modelsharing con una scuderia di auto da corsa e in Primavera organizzerò i “Viaggi fotografici”. Ho anche in previsione la pubblicazione di un libro che racconta il mio set fotografico “Come in vacanze romane” a Londra.

La fotografia è diventato lo strumento per raccontare le tue passioni.

Sono incuriosito da tutto ciò che mi circonda, ma mi incuriosisce molto di più il cervello di una donna. All’età di 18 anni è nata in me la curiosità per il mondo dell’automobilismo che con il passare degli anni coltivandola è diventata passione. Mi piace viaggiare, scoprire nuovi posti e fare nuove conoscenze, confrontarmi con culture diverse dalla mia, imparare anche le loro cucine per poi sperimentarle perché un’altra mia grande passione è quella per il buon cibo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre collaborazioni fotografiche…

Dopo aver collaborato con la modella Martina Tosi, ho iniziato a lavorare con Ramona Ramy, Maddalena Di Gregorio, Marina Saba e Martina Meneghini. Ho partecipato alla Roma Photo Marathon. Insomma, il mio curriculum si allunga giorno dopo giorno.

Chi è Michele Cusano… posato l’obbiettivo della macchina fotografica?

La lista dei pregi è breve purtroppo, ma per quella dei difetti mettetevi comodi che vado ad elencarli: sono permaloso da morire, sono pignolo (ma potrebbe essere anche un pregio), e mi arrabbio quando le persone non rispettano quello che dicono. Sono saccente, a volte irritante, egocentrico, mi piace stare al centro dell’attenzione. Il mio pregio più grande è avere un cuore buono e smisurato, sono molto generoso, mi viene naturale aiutare gli altri, mi reputo una persona estremamente sensibile che si emoziona per poco, mi basta sapere che c’è qualcuno in difficoltà per mettermi subito a disposizione nonostante magari non se lo meriti.

 

 

CONTATTI SOCIAL

 

Facebook: ph miky cusano

Instagram: ph_miky_cusano

Bentbox: phmikycusano

Tumbler: ph miky cusano

di A.T.

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.