Miniguida su Barcellona. Parte III

21 novembre 2018 | commenti: Commenta per primo |

Terza e ultima parte della miniguida su Barcellona

LEGGI LA PRIMA E LA SECONDA PARTE

Barrio di Eixample e Gràcia

Da Plaça Catalunya, andare nel senso contrario del lato mare, salite su per Passeig de Gràcia e appena qualche metro, sulla destra, troverete un locale da vedere EL NACIONAL – PASSEIG DE GRÁCIA 24 bis.

Costruito nel 1889 ospitava un Caffè Teatro, poi negli anni ha cambiato più volte destinazione d’uso fino a essere, prima che diventasse quello che è oggi, un’officina meccanica e poi un garage. All’interno ospita molti ristoranti, di pesce, carne, tapas, vinerie ma potete entrare tranquillamente, anche senza dover per forza pranzare o cenare, per ammirarne la bellezza. Fate una puntatina anche nei bagni, molto particolari, industriali, un posto veramente sfizioso. Consiglio di andarci di sera, suggestivo anche per le luci posizionate alla perfezione.

Proseguiamo per Passeig de Gràcia, strada molto lussuosa ed elegante, direi che si può paragonare alla nostra Via Frattina o Via Borgognona. Grandi firme, Valentino, Hermès, Rolex ma che negozi più alla portata delle nostre tasche. Salendo incrocerete una via, GRAN VIA DE LES CORTES CATALANES, al numero 616 c’è la libreria ALTAIR, la libreria specializzata in viaggi più grande d’Europa.

Ritorniamo su Passeig de Gràcia, su questa strada ci sono ben due case costruite da Antoni Gaudì. Incontrerete prima CASA BATLLO’ – PASSEIG DE GRÀCIA, 43 – sulla sinistra. Un edificio pazzo, con maschere al posto dei balconi e la facciata che sembra la pelle di un rettile. Questa casa vi consiglio vivamente di visitarla! E’ divertente, sorprendente, all’avanguardia, colorata. A Barcellona tutto costa un po’, quindi bisognerà fare una selezione di ciò che si vuol vedere ma Casa Batllò merita davvero.

Gli architetti

Giusto a sinistra di Casa Batllò, ci sono altre due case visitabili. Questo breve tratto di strada, dove si trovano di seguito, la CASA LLEÓ MORERA, CASA AMATLLER e, appunto, CASA BATLLÓ, veniva e viene ancora chiamato La manzana de la Discordia (manzana sta per isolato o mela, rifacendosi al pomo della discordia). I tre architetti, pare, si sfidarono a edificare e aggiudicarsi la più bella dell’isolato. Certamente, le due, meno belle di quelle di Gaudì ma in quella proprio attigua a Casa Batllò, CASA AMTLLER, potete entrare senza farvi intimorire dal personale che sta sull’uscio aspettando visitatori paganti, ammirare l’entrata della casa e poi, in fondo, c’è un bar, entrateci. Questa casa è appartenuta alla Famiglia Amatller che era fabbricante di cioccolata, quindi, nel bar, troverete cioccolata da assaggiare, da regalare e se vorrete, io ve lo consiglio, potrete assaggiare il cioccolato in tazza accompagnato da fettine di pane.

Salite ancora e più avanti, sulla destra, troverete la grigia CASA MILÀ, detta anche LA PEDRERA, sempre di Antoni Gaudì, che ha una forma a onda. Questa, rispetto a tutto il resto progettato dal Maestro, ha un pezzettino del mio cuore, vi spiego il perché. Mentre le altre opere sono quasi tutte state commissionate da privati, come Palau Guell, Parc Guell, Casa Batllò, Casa Vicens, questa era un condominio dove, al piano primo c’era la famiglia Milà (famiglia facoltosa) ma gli altri appartamenti erano abitati da gente comune e pensare che quella meraviglia fosse a portata di cittadino, beh, mi riempie di sogni.

Prima di oltrepassare l’obelisco, che vedrete nell’intersezione tra Avinguda Diagonal , Carrer de Corsèga e Passeig de Gràcia, sulla sinistra, c’è un Ufficio del Turismo che è ubicato in un palazzo, PALAU ROBERT – PASSEI DE GRÁCIA 107 – che ospita tutto l’anno mostre gratuite di artisti, quasi sempre contemporanei. Il Palazzo è bellissimo e sta immerso in un giardino.

Se poi, dopo aver mangiato paella, tapas, pulpo, avete voglia di mangiare italiano, un ristorantino a conduzione familiare è BRUNAQUI – PLAÇA DE NARCÍS OLLER 1. Si mangia come a casa della mamma, piatti semplici e genuini, Fabrizio e i suoi fratelli, napoletani, vi accoglieranno come meglio non si può, simpatici e allegri. I loro dolci sono davvero buonissimi, la mia preferita è la crostata al cioccolato, eccellente.

Barrio di Gràcia

Proseguite e appena passato l’obelisco vi troverete nel barrio di Gràcia.. Molti anni fa Gràcia era un paese, poi inglobato nella città e infatti si respira proprio un’aria di paese. I vicoli stretti, le piazzette una dietro l’altra, la torre dell’orologio, il Municipio, sono la caratteristica di questo barrio colorato e qui, davvero, una volta presa Carrer de Gran de Gràcia (che la prosecuzione di Passeig de Gràcia), bisogna camminare con il naso all’insù. Palazzi modernisti, vetrate decò, antichi lampioni si susseguono senza essere protagonisti ma senz’altro non passeranno inosservati.

Passati i Jardins de Salvador Espriu (una piazza allungata con una fontana), subito, sulla destra c’è un edificio modernista che oggi è diventato un Hotel, CASA FUSTER.

Poco dopo, per rifocillarsi, troverete un forno, il “mio” forno, TURRIS – CARRER DE GRANDE GRÁCIA 34 – : Magdalenas de chocolate (muffin al cioccolato), panellers (palline di pasta di mandorle ricoperte da pinoli, boccadillos de jamon (panini con prosciutto)… Vi dico solo che ogni volta che tornavo a Roma dovevo fare un carico di magdalenas per i nipoti che ne andavano pazzi, sono buonissime e non se ne trovano così a Barcellona.

 

 

 

 

 

 

Se avete voglia di un gelato di qualità e anche visivamente appagante, attraversate la strada, prendete CARRER DE SENECA, al numero 18 troverete PARALLELO gelateria. Guardate, sono quattro ragazzi liguri, caparbi, preparati, giovani, pionieri nello sperimentare gusti mai fatti prima e tutto con ingredienti biologici, ci sono anche dei mini gelati per i cani che accompagnano i loro padroni, sono pezzetti di gelato lasciati di proposito per gli amici a quattro zampe. Loro sono un amore, Marco, Matteo, Gianluca e Francesco, li conosco bene e so come lavorano, con quale scrupolo manipolano gli ingredienti sempre freschi, sono superpuliti e davvero sono diventati un punto di riferimento per il gelato in città.

Mercati

Torniamo su Carrer de Gran de Gràcia, saliamo ancora un po’. Da qui potete o andare a sinistra prendendo Carrer de Cigne e raggiungere il MERCAT DE LA LLIBERTAT, un mercato di quartiere, circondato da negozietti di frutta, mercerie, macellerie e un negozio molto fornito di prodotti biologici, SOLNATURE – PLAÇA DE LA LLIBERTAT 17 – gestito da Mariana e Enzo. Se avete bisogno di qualunque tipo di prodotto, dai tè ai biscotti, dai dentifrici alle creme, rimedi per l’inverno, andateci, sono competenti, simpatici, forniti e pure amici miei.

Ecco, qui devo scrivere un capitolo a parte per quanto riguarda il banco – di EL TAST DE JOAN NOI – all’interno del mercato EL MERCAT DE LA LLIBERTAT. Solo una parola, sublime. Il banco è lungo una decina di metri o forse più, vende pesce fresco ma una parte di questo è destinato a gustare i piatti cucinati sapientemente da Paco.

In realtà questa segnalazione l’ho sempre tenuta gelosamente custodita, perché Paco cucina come, davvero, nessuno, fa, in tutta la città. A vista vengono cucinati i piatti richiesti, i posti sono limitati e spesso c’è un po’ da aspettare ma nel frattempo si può sorseggiare un vino blanco o una cerveza. Se ci andrete sarete testimoni del modo gentile e allegro di Paco, Sonia e gli altri. Non mancate questo appuntamento e poi sarei curiosa di sapere cosa ne pensate. Potete sempre lasciare commenti su Tablet Roma.

Piatti:

ATUN A LA PLANCIA (tonno alla piastra) che Paco fa con una salsetta da urlo; CALAMARES CON ALMEJAS Y ALUBIAS (calamaro con vongole e fagioli); BACALAO CON GARBANZOS (baccalà con ceci); GAMBAS (gamberi), e se ci sono ASSOLUTAMENTE ASSOLUTAMENTE BUÑUELOS DE BACALAO ( Polpette fritte di baccalà), quasi tutti le fanno a Barcellona ma giuro, nessuno come Paco.

Piazze

Dopo mangiato riprendete Carrer de Cigne, tornate un po’ indietro girando a destra su Carrer de Gran de Gràcia, sulla sinistra entrate in Carrer de Sant Domenec, alla fine di questa troverete la prima delle piazzette del Barrio, PLAÇA DE LA VILLA DE GRÀCIA con la sua torre dell’orologio e le panchine e i negozietti di artigiani.

 

 

 

 

 

Vi consiglio un caffè o un dolce da NABUCCO TIRAMISU’ (ci si può anche pranzare) molto carino anche il locale, sempre sulla piazza.

Da qui, sempre con la solita cartina alla mano, infilatevi nei vicoli, cercate le altre piazze, PLAÇA DEL DIAMANTE, PLAÇA DE LA REVOLUCIÒ E PLAÇA DEL SOL. Addentratevi in Calle Verdi, attraverso questa viuzza si arriva a PLAÇA DE LA VIRREINA, dove potrete ammirare la bellissima CHIESA DI SAN JOAN.

Libri

Vorrei indicarvi delle cose precise da vedere ma il bello del Barrio de Gràcia è camminare con calma, fermarsi su una panchina o in un bar, respirare l’atmosfera allegra e rilassata. Spalle alla Chiesa di San Joan prendete la strada che vi trovate di fronte – CARRER DE TORRIJOS – girando alla prima traversa a sinistra in Carrer de Sant Lluìs, c’è la LIBRERIA ITALIANA LE NUVOLE – CARRER DE SANT LLUIS 11 -. Vi chiederete, ma perché ci segnala una libreria mentre siamo in vacanza? Perché la LIBRERIA LE NUVOLE ha aria di casa italiana, arredata e impreziosita da oggetti curiosi, Cecilia, la proprietaria è una donna dalle mille idee. E’ una roccaforte della cultura italiana sul territorio di Barcellona. Organizza corsi di italiano in maniera un po’ speciale, concerti, incontri con scrittori, proiezioni di film e se volete farvi indicare un autore catalano, lei saprà consigliarvi.

C’è un’altra libreria che, se siete persone curiose, potete visitare, si chiama TUUULIBRERIA – CARRER DEL PLANETA 17 -. Si tratta di un locale pieno zeppo di libri usati, funziona così. Ci si può associare o anche andare, cercare meticolosamente tra le cataste, decidere e pagare quello che uno riterrà giusto, si parte da centesimi fino a dieci, venti, cinquanta…insomma il prezzo lo fa l’acquirente. Si trovano libri rari, curiosi e sconosciuti.

 

Sempre nel Barrio de Gràcia si trova CASA VICENS – CARRER DE LES CAROLINES. fino allo scorso anno era difficile che i turisti andassero a vederla, perché era un edificio privato dove viveno famiglie. Finalmente, un anno e mezzo fa, hanno deciso di restaurarla e metterla a disposizione di chi vorrà visitarla.

Un’altra mezza giornata la dedicherei a PARC GÜELL, parco monumentale della città. Molto bello, molto caldo se visitato in estate, molto verde. Fino al 2013 il parco era gratuito, ora la parte monumentale è a pagamento ed è bella, di solito si vede in tutte le foto di Barcellona, è la terrazza fatta a mosaico. Per arrivarci potete prendere la Metro L3 e scendere alla fermata VALCARCA considerate che dovrete fare un bel tratto di strada a piedi e in salita (grossa salita), anche se troverete a un certo punto delle scale mobili. Altrimenti con il bus n. 24 da Plaça Catalunya e quindi da Passeig de Gràcia, Carrer de Grande Gràcia, vi lascerà all’entrata del Parco.

 

LA SAGRADA FAMILIA – CARRER DE MALLORCA 401 –

Non potete non vederla, fatelo anche solo da fuori, ricordandovi che le facciate sono due, una opposta all’altra. Questa è l’opera massima di Antoni Gaudì, un Tempio ricco di simbolismi, ispirato alla natura, davvero non è immaginabile ciò che il Maestro ha creato all’interno. I punti di luce che filtrano dalle finestre si posano su colonne a forma di tronchi di albero che sostengono l’imponente capolavoro, un bosco di pietra. Ogni angolo, ogni piccolo dettaglio sarà una sorpresa.

C’è la possibilità di visitare anche le Torri dove si può salire con ascensore ma la discesa è a piedi, quindi regolatevi. Inoltre è possibile visitare le Torri solo con condizioni meteo buone. Vi raccomando di fare assolutamente i biglietti on line, la fila per comprare sul posto l’entrata è chilometrica. Ci sono diversi siti internet che vendono biglietti per i vari siti da visitare, compresa la Sagrada Familia, io consiglio sempre di andare sul sito ufficiale, risparmierete qualche euro, visto che i costi non sono proprio economici. Prendere l’entrata con audio guida.

Memo:

El Nacional, Passeig de Gràcia, Libreria del viaggiatore – Altair, Casa Batllò, Bar dei Casa Amatller, Casa Milà (la Pedrera), Casa Fuster, Forno Turris, BrunaQui – ristorante italiano, Gelateria Parallelo, Mercat de la LLibertat, Solnature, Paco – Tast de Joan Noi, Plaça de la Villa de Gràcia, Nabucco Tiramisù, Plaça del Diamante, Plaça del Sol, Plaça de la Rivoluciò, Libreria Le Nuvole, Tuuulibreria, Plaça de la Virreina Parc Güell, Sagrada Familia, Casa Vicens.

Mangiare a Barcellona

**Se volete mangiare una Paella fatta davvero bene, da maestri o andate al top ma vi spennano o assolutamente, nella zona di Eixample, CASA AMALIA – PASSATGE DEL MERCAT, 4/6 telefonate per prenotare o andateci alle 21 in punto. Eccellente la Paella e anche i chipirones fritti (moscardini), le alici fritte. Chiedete mentre aspettate un pan con tomate (pane con il pomodoro) e vino turbio.

 

 

 

 

**Altrimenti, se siete stati da Paco e vi è piaciuto, potete prenotargli una paella per il giorno dopo, la sua è eccellente.

**RESTAURANTE BARCELONETA – CARRER DE L’ESCAR, 22molo dei pescatori. È il top a Barcelona, si mangia bene ed è caro caro ma sta proprio sul mare.

**Per una buonissima pizza fatta con ingredienti selezionati, sicuri, nel barrio di Sants PIZZERIA LA BRICIOLA – CALLE OLZINELLES 19 –   Pino e Patrizio sono, beh, che dire di loro, grandi lavoratori. Pino è un grande pizzaiolo e con Patrizio non mancheranno di elencarvi i primi piatti fatti con cura e ingredienti di prima scelta, direi che è la pizza più buona a Barcellona.

**Se avete mangiato la pizza alla Pizzeria La Briciola, potete prendere un gelato da CACAO’S GELATO SICILIANO – CARRER DE RIEGO 19 – Patrizia e Piero, siciliani doc, fanno i gelati come si fanno in Sicilia.

**Quando vi fermerete a mangiare chiedete sempre il Pan con Tomate (pane con il pomodoro) per accompagnare tapas, jamon, tortillas.

**Per una eccellente colazione vi faccio ritornare verso Carrer de Gran de Gràcia (sempre se si parte da Plaça Catalunya) ma questa volta prendere la parallela a Passeig de Gràcia, salendo da RAMBLA DE CATALUNYA al civico 50 il FORN DE SANT JAUME vi farà girare la testa. Croissant al cioccolato, alla crema, semplici, dolci di tutti i tipi. La mia preferita è la Ensaimada, una rotella di pasta friabilissima e morbida all’interno, spolverata di zucchero a velo. BUONISSIMA!!! Comunque Rambla de Catalunya è il paradiso per chi volesse approfittare e acquistare abbigliamento e altro.

Consigli

**RAI – Associazione di animazione Interculturale – CARRER CARDERS 12 – E’ un’Associazione indipendente che funziona come piattaforma per progetti socio culturali e educativi. Si trova in un palazzo della zona vecchia della città. Spettacoli teatrali, laboratori e all’interno troverete un piccolo ristoro. Una realtà interessante, completamente autogestita.

**Consiglio sempre, per chi vuole vedere senza faticare, o per chi non ce la fa a camminare troppo, il BUS CITY, ce ne sono tre tipi con diversi itinerari, i biglietti si fanno Plaça Catalunya. Il posto lo individuerete immediatamente perché i bus sono fermi o comunque prendete come riferimento un centro commerciale a Plaça Catalunya, EL CORTE INGLES, i chioschi per i biglietti sono proprio lì davanti.

**Si possono affittare biciclette per girare, la città è piena di piste ciclabili.

**Se andate nel fine settimana controllate il calendario eventi de I CASTELLERS, piramidi     umane, uno spettacolo davvero impressionante

.https://www.castellersdebarcelona.cat/calendari/

 

**Consultate il sito di Timeout, settimanalmente ci sono consigli su cosa fare a Barcellona senza spendere soldi.

https://www.timeout.es/barcelona/es

Una nota importante: a Barcelona rubano da matti e anche se noi semo romani, ne ho visti tanti piangere. Tenete sempre la borsa o lo zainetto davanti, ovunque, e se vi sedete non lasciate le borse incustodite, tenetele sulle gambe. Non poggiate i cellulari sui tavolini all’aperto. Fatevi delle fotocopie dei documenti e girate con quelle, gli originali lasciateli in Hotel. Se andrete in spiaggia, mai lasciare le borse, tenetevele vicine vicine.

 

RICORDO AGLI STUDENTI DI PORTARE IL TESSERINO, AVRETE SCONTI NOTEVOLI (4/5€) PER L’ACQUISTO DI BIGLIETTI.

CASA BATLLO’ .

Si possono fare i biglietti online per evitare la fila.

prezzi:

€30,50 biglietti online con audio guida e salta la fila

€33,50 alla biglietteria

oppure

€24,50 biglietti online senza salta la fila

€28,50 alla biglietteria.

 

PARC GUELL

prezzi:

€7,50 biglietti online

€8,50 in biglietteria

SAGRADA FAMILIA

prezzi:

biglietti online

€15 per entrata senza audio guida (senza audio guida non si apprezza)

€22 per entrata e audio guida.

€24 per entrata alla chiesa + visita guidata.

€29 per entrata alla chiesa, audio guida e salita alle torri

 

Ho lasciato fuori ma non dimenticato

 

MUSEO Fundaciò JOAN MIRÓ

prezzo: €12

FUNDACIÒ ANTONI TÀPIES

prezzo: €7 

TEATRO LICEU costruito a metà dell’ottocento è considerato il Teatro della Città.

Prezzo per la visita guidata: €9

Dal lunedì al venerdì le visite sono ogni ora dalle 14 alle 17

Sabato dalle ore 11 

LA FUENTE MAGICA E’ una fontana enorme che si illumina a suon di musica la sera, non è a pagamento. Carina, suggestiva. Orari dello spettacolo 21,30 e 22,30. Scendere alla fermata della metro Plaza España

MONTJUIC è il polmone verde della città, se ci andrete, vedrete che sembrerà di essere in una città completamente diversa da quella sottostante. C’è un castello da visitare e una vista sulla città spettacolare.

FUNICOLARE MONTJUIC parte dalla stazione della metro Parallel (linea L2 e L3) e l’ultima fermata è Fundaciò Mirò, la corsa è nell’area metropolitana quindi il costo è quello di un biglietto per normale trasporto.

FUNIVIA DEL PORTO si prende da Barceloneta e si arriva al Montjuic.

prezzo: €11 solo andata, €17 andata e ritorno. 

TIBIDABO è una collina sopra Barcellona da dove ammirare la città. Ospita anche un parco giochi per bambini costruito oltre cento anni fa.

Prezzo Parco giochi: € 30 a persona 

ACQUARIO centro marino che ospita un’infinità di specie mediterranee.

prezzi: Adulti: sul posto € 20, online €18

Bambini: dai 5 ai 10 anni €15, 3 e 4 anni € 7

MUSEO DELLA SCIENZA e’ un museo davvero interessante per grandi e bambini, consiglio vivamente di andare. All’interno c’è anche la riproduzione, 1000 mq, di foresta amazzonica con molti animali liberi.

prezzo: 5 euro circa

CAMP NOU stadio del Barcelona

Prezzo: 26€ basic tour – Visita al museo del Barça + tour del Camp Nou

35€ Visita al museo del Barça, Tour del Camp Nou, visione virtuale e audio guida multimediale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comunque se vorrete ignorare i consigli, va benissimo, Barcellona è una città dove è bello perdersi, girare senza meta e approfittare di tutto ciò che si incontra.

Buon Viaggio!  da Maria Corona Squitieri

Foto: Felice Squitieri, Mauro Cozzoni, Gaia Squitieri, Maria Corona Squitieri

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.