I minori scomparsi, un dramma senza fine

8 giugno 2020 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Non si ferma la tragedia della scomparsa dei minori

Quando scompare un minore è sempre e comunque una tragedia. Le lacrime e l’ansia dei famigliari, la disperata ricerca in tutti quei luoghi che il minore frequenta abitualmente, la paura spesso fondata che la spadosdica lotta contro il tempo si riveli una tragedia.

Le famiglie che cercano un minore scomparso non hanno più pace, si chiedono come è stato possibile un simile dramma, se hanno sbagliato qualcosa, se qualcosa lo turbava o se qualcuno ha tentato di fargli del male e i tanti i sensi di colpa sono sempre più intollerabili e rischiano di sopraffarli.

Solo in Italia ogni 48 ore scompare un minore, piccoli che improvvisamente spariscono senza lasciare traccia e non si riesce più a rintracciare. Si cercano, si scandagliano tutte le piste possibili ma a volte è come se non fossero mai esistiti.

Anche all’estero sparizioni nel nulla

E anche all’estero la situazione non cambia, bambini prima amati che poi all’improvviso spariscono nel nulla; in questo caso lo Stato con più casi di minori scomparsi è la Romania, e sono minori che spesso non verranno mai ritrovati.

I minori scompiono per molti casi e alcune volte lo fanno volontariamente, magari perchè dove vivono non c’è futuro per loro.

Ma cadono in un giro di sfruttamento da cui non c’è scampo, c’è solo dolore e un lavoro inumano e degradante che li fagocita e li lascia impietriti di fronte a tutto l’orrore che vedono e vivono.

Subiscono abusi in casa o fuori casa e scompaiono volontariamente o perchè rapiti, spesso da persone che conoscevano e di cui si fidavano; scoprono he non ci si può mai fidare veramene di nessuno e nel modo più orribile.

I tanti drammi nel dramma

La pedofilia, il traffico di organi, sono due perversioni terribili che sconvolgono per sempre la vita dei minori che anche se vengono ritrovati sono segnati per sempre.

E la stessa cosa accade per il bullismo; minori che decidono di scomparire perchè le offese e le prese in giro sono troppo gravi da tollerare, iniziano a schiacciare la vita come una morsa fino alla fine.

Molti sono i minori che vengono rapiti, spesso da un genitore straniero che li porta nel suo Paese e li condanna ad una vita di tristezza e inflicità, una vita di abusi e di lontananza dagli affetti più cari.

La fuga di un minore porta alla luce domande delicate, scomode, che fanno capire che qualcosa in quel mondo in cui il bambino viveva non funzionava, qualcosa ha portato a quel gesto e di solito si tratta anche in questo caso di bullismo, o di abusi subiti e indicibili.

Altri casi sono quelli che riguardano i migranti non accompagnati, piccoli che da soli hanno lasciato per sempre il loro Paese per cercare un futuro migliore e invece si ritrovano a vivere l’orrore di abusi, prostituzione, pedofilia e accattonaggio.

Le segnalazioni

In ogni caso è importantissimo segnalare subito le scomparse perché la tempistica è tutto in questi casi è determinante, dopo le prime 24 ore le possibilità di ritrovare una persona sana e salva dimunuiscono e questo è ancora più vero nel caso dei minori.

Esiste anche il servizio europeo 116000, un numero europeo valido per tutti gli Stati che hanno già aderito che aiuta molto nelle ricerche oltre naturalmente in Italia anche al sempre utile numero di emergenza 112.

di Valeria Fraquelli

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Le immagini Pixabay appaiono in Creative Commons CC0

Forse può interessarti anche:

Bullismo e adolescenti

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.