Natale a Londra. Magia di ghiaccio, luci e colori

12 dicembre 2018 | commenti: Commenta per primo |

Natale a Londra. Alla scoperta dei luoghi più belli dell città più grande e vivace del Regno Unito.

Londra non è la classica meta per le vacanze natalizie. Non ha l’attrazione religiosa di città come Roma e non ha la temperatura giusta per un “bianco Natale”, come invece possono avere città come Vienna.

Nonostante tutto questo, però, la città prova ogni anno ad accogliere i turisti nel migliore dei modi per far sì che possano trascorrere un Natale che rimanga nel loro cuore, per sempre.

A parte le luci nei luoghi storici della città, ci sono numerose piste di pattinaggio in spazi suggestivi, che vanno dal cortile interno del Natural History Museum al centro del cuore commerciale di Canary Wharf, passando per Somert House, fino al cortile storico di Hampton Court Palace, circondato dai ricordi di Enrico Ottavo.

In pratica, c’è una pista di pattinaggio in ogni angolo di Londra, e in Oxford Street una è addirittura sul tetto dei grandi magazzini di John Lewis.

Ma indubbiamente è nel bel mezzo di Hyde Park che c’è la grande festa. Il Winter Wonderland è uno spazio attrezzato per giochi, cibo e mercatini, dall’indubbia ispirazione bavarese che, dal 22 Novembre al 6 Gennaio, richiama centinaia di migliaia di persone e, nel week-end, è così stracolmo di gente che spesso ci vuole più di un’ora per superare la soglia d’ingresso.

Il grande Parco, ad ingresso gratuito (ma comunque chiuso e ben controllato per motivi di sicurezza), è una delle attrazioni maggiori di Londra in questo periodo dell’anno.

Natale significa anche “luminarie” e se le attività commerciali la fanno da padrona nel colorare la città a festa, poi anche l’addobbo ufficiale cittadino rende Londra molto “cool” e in competizione seria con città come Parigi, Amsterdam o Berlino, da sempre all’avanguardia nell’allestimento delle luci di Natale.

Oxford Street la fa da Regina in fatto di luminarie, ma da non perdere sono anche le luci a Covent Garden o a Bond Street (molto eleganti, ovviamente). Poi ci sono le sempre stravaganti luci di Carnaby Street, che quest’anno sono dedicate al gruppo rock dei Queen.

Molto sobrio, ma sempre maestoso e proprio per questo molto signorile, è l’albero di natale piazzato nel centro di Trafalgar Square.

Regalato dal Comune di Oslo, ogni anno dal 1946, è l’albero di Natale più alto della città. Le luci sono semplici ma, ogni sera (specie nel week-end), è facile trovare ai suoi piedi gruppi di cori che intonano tradizionali canti natalizi, rendendo il tutto semplicemente stupendo nella sua semplicità.

Ad ogni modo, se volete esagerare con le luci, il mio consiglio è andare a visitare dopo il tramonto il Royal Botanic Garden a Kew a sud ovest della Capitale. I biglietti disponibili sono limitati, ma se riuscite ad entrare dentro il Giardino Botanico più bello al Mondo, vi aspettano ben 37 Km (!) di luminarie, con più di un milione (!) di luci.

Numeri mostruosi per uno spettacolo incredibile, accompagnati da effetti sonori e visivi che lasciano il visitatore a bocca aperta e rimangono nella memoria per sempre.

Naturalmente Natale significa anche cibo, regali, shopping in generale e a Londra c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Non c’è spazio che non ospiti un mercatino natalizio e non c’è negozio (grande o piccolo) che non si addobbi a festa per attirare clienti. Ristoranti e bar sono pieni di luci, candele, e sempre pieni di clienti festanti che organizzano i cosiddetti “Christmas Parties”, sia con i propri colleghi di lavoro, che con amici o familiari.

Il pre-Natale è una celebrazione diversa dall’ufficialità del 25 Dicembre e anche il modo di celebrare è differente.

Tante feste e celebrazioni prima del 25, tutto fermo proprio il 25!
Nessun Teatro o Cinema aperto, nessun mezzo di trasporto, metropolitane, autobus, tutto fermo per 24 ore.

Ma fino  alle 5 del pomeriggio del 24 dicembre, Londra è completamente in subbuglio. Non male farci un salto!

Testi e foto di Massimo Usai

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

 

Gubbio: l’Albero di Natale più grande del mondo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.