Obesità e malnutrizione, il mondo è diviso

18 marzo 2020 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Le incredibili differenze alimentari nel mondo: obesità e malnutrizione

Il mondo è diviso tra chi è sovrappeso e chi invece soffre la fame, tra chi ogni giorno ha un tavolo imbandito e può scegliere di mangiare i cibi più salutari e chi invece non ha niente da mangiare e quando può sceglie di mangiare qualcosa sceglie cibi che non sono né nutrienti né salutari.

È noto e risaputo che chi è più ricco può portare in tavola cibi migliori e più sani, mentre chi è più povero non riesce a trovare niente da mangiare e molto spesso arriva a scegliere cibi troppo zuccherini o troppo grassi che non nutrono e fanno male alla salute.

Due facce della stessa medaglia

Obesità e malnutrizione sono due facce della stessa medaglia, da un lato abbiamo il troppo cibo che raggiunge livelli patologici e dall’altra abbiamo chi non ha nulla da mangiare e quando mangia sceglie cibi malsani.

Le differenze infatti non ci sono solamente tra Paesi ricchi e Paesi poveri ma anche tra centro e periferia; nelle città infatti, secondo alcuni studi, si può notare benissimo che nelle zone agiate si mangia meglio e si acquistano prodotti più sani e genuini, mentre nelle zone disagiate di periferia obesità e malnutrizione convivono perché per scelta o per necessità si fanno scelte alimentari sbagliate.

Obesità e malnutrizione convivono perchè hanno origine tutte e due da comportamenti alimentari sbagliati che trovano la loro origine in cultura e società, in quello che mangiamo e dove lo mangiamo.

L’importanza del background culturale dei Paesi

In un mondo diviso, sempre più diviso tra chi ha tutto e chi non ha niente si vede chiaramente che il retaggio culturale conta anche nel momento di scegliere cosa portiamo in tavola; chi può contare su solide basi culturali tende a scegliere cibi più sani, ad informarsi su quali sono le caratteristiche nutrizionali dei prodotti, mentre invece chi non ha le stesse basi culturali tende a scegliere cibi meno sani e più grassi e così negli strati più bassi della popolazione ci sono il maggior numero di casi di malattie legate alla cattiva alimentazione.

Mangiare troppo e mangiare poco o niente sono due comportamenti sbagliati dettati da stili di vita profondamente diversi; da un lato ci sono coloro che nei Paesi ricchi sono troppo nutriti e dall’altro lato ci sono coloro che nei Psei poveri sono troppo poco nutriti, non trovano niente da mamgiare e vivono sotto la soglia di povertà.

È per mettere fine a questa situazione paradossale e iniqua che bisogna lottare sempre di più, perch non possiamo più tollerare bambini malnutriti e adulti obesi che pensano solo al loro tornaconto personale.

di Valeria Fraquelli

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione del testo, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Le immagini Pixabay appaiono in Creative Commons CC0

Forse potrebbe interessarti anche:

Dieta vegana. Quando diventa estrema

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.