Paccherini ai frutti di bosco

9 gennaio 2019 | commenti: Commenta per primo |

Paccherini ai frutti di bosco, ragù di agnello e infiorescenza di lavanda

Il sapore fruttato e delicato dei Paccherini ai frutti di bosco Rustichella d’Abruzzo si sposa alla perfezione con la cremosità del ragù di agnello. Quest’insolita combinazione di gusti si può apprezzare maggiormente assaporando il tutto con il profumo e il sapore dei fiori e delle foglie di lavanda.

Cosa ci serve per quattro persone

400 g di paccherini ai frutti di bosco Rustichella d’Abruzzo

Infiorescenza di lavanda

Ribes rossi

Una zesta grattugiata di un limone non trattato

Per il ragù di agnello

300 g di polpa di agnello

Una carota

Una cipolla

Una costa di sedano

Una foglia di alloro

Un rametto di rosmarino

80 ml di vino bianco secco

800 ml di brodo vegetale

80 ml di olio extravergine di oliva

Sale

Mettiamoci al lavoro

Tritate la carne al coltello oppure se potete aiutatevi con un tritacarne. Lavate le verdure, sbucciate la cipolla e tritate tutto finemente. In una casseruola fate scaldare l’olio e soffriggete il trito per qualche minuto. Aggiungete la polpa di agnello, le erbe aromatiche e unite l’infiorescenza di lavanda, salate e sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare mescolando spesso. Allungate con il brodo vegetale e lasciate cuocere per circa trenta minuti, aggiungete altro brodo se fosse necessario. Il ragù di agnello dovrà essere denso ma non troppo asciutto. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata per circa dodici minuti, scolate e mantecate in una padella con il ragù di agnello.

Composizione del piatto

Impiattare e rifinire i paccheri I ai frutti di bosco con dei granelli di ribes rossi, una zesta di un limone non trattato grattugiato e servire con un rametto di lavanda.

Preparazione: 1h

Cottura: 30 minuti

Difficoltà: bassa

Ricetta di Chef Davide Sagliocco

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.