Pancia Gonfia?

23 giugno 2020 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Pancia gonfia? Gli elementi da evitare

La pancia gonfia non è solo un problema estetico ma un disagio che può risultare invalidante.

Spesso ne soffre anche chi non è in sovrappeso e diventa davvero fastidioso; oltre al gonfiore infatti possono sorgere altri sintomi come la nausea, stitichezza, alitosi o diarrea.

Se si tratta di un dolore passeggero quello che puoi fare è scegliere quali cibi mettere nel piatto, infatti mentre alcuni cibi gonfiano altri aiutano a diminuire questa fastidiosa sensazione.

Se si tratta di un problema costante converrà chiamare il medico anche se l’alimentazione può aiutare molto.

Gli elementi da evitare sono: latte e derivati, la presenza di lattosio e di proteine del latte rappresenta un vero e proprio deterrente alla normale funzionalità intestinale, i legumi che  rappresentano un susbstrato fermentante per i batteri intestinali, cavoli e broccoli che, per quanto salutari, sono verdure dall’elevatissimo potenziale flatulogenico; alcool e bevande gassate.

Quando si è predisposti a gonfiore addominale, e dunque a fermentazione, si può trovare sollievo diminuendo il consumo di verdure crude a favore di ortaggi cotti.

Un altro accorgimento che possiamo avere è l’attenzione verso le fibre che è un’altra variabile soggettiva riguardo al gonfiore addominale. Chi soffre di tensione e dolori, dovuti alla fermentazione dei cibi e alla formazione di gas intestinali, è bene che consumi fibre in grado di aiutare l’intestino a lavorare bene ma senza irritarlo.

Inoltre evitare i dolcificanti, in particolare le gomme da masticare che essendo appunto masticate creano del gas all’interno dell’intestino.

Infine, oltre a far attenzione agli alimenti, è  importante anche seguire alcune abitudini come masticare lentamente, evitare il consumo di pietanze troppo fredde o troppo calde, evitare il consumo di caramelle ed evitare pasti troppi abbondanti.

di Oriana Orlandi

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.