Raccolta differenziata di design

4 dicembre 2019 | commenti: Commenta per primo |

Contenitori per la raccolta differenziata a vista o nascosti: di design?

 

Fino a qualche tempo fa i contenitori per la raccolta differenziata erano estranei nelle nostre case.

Tutti i rifiuti venivamo stipati insieme in un’unica busta, quindi in casa le pattumiere erano decisamente meno ingombranti e difficilmente a vista!

Oggi invece, le nostre cucine o una terrazza, per chi ha la fortuna di averla, sono piene di contenitori per la raccolta differenziata. Il più delle volte non sappiamo dove posizionarli e spesso ricorriamo a soluzioni di fortuna. Tuttavia il posizionamento di questi contenitori è una questione di spazio e funzionalità ma, sempre più spesso, anche di estetica.

Su questa tematica, designer e brand si sono ingegnati proponendo contenitori per la raccolta differenziata di ogni tipo, da quelli nascosti sotto – lavello a quelli da tenere a vista, come contenitori multipli, come le borse in tela realizzate con tessuti ecosostenibili e come i sacchi in carta.

Ecco una mini – lista di contenitori per la raccolta differenziata, utilizzabili sia da interno che da esterno, rispettosi dell’ambiente e perché no! ….. alcuni, anche di design.

C’è né per tutti i gusti. Per chi vuole nasconderli, può ricorrere a Variera – utustra, il sistema per la raccolta differenziata ideato da Ikea, che può essere comodamente alloggiato nel vano sotto al lavello o in un mobile con ante.

Per chi invece vuole lasciarli a vista, tante le novità!

Sempre Ikea propone Dimpa, un set di tre borse, di misure differenti, disponibili in diverse colorazioni facili da pulire e trasportare. Dimpa può essere usata sia in un interno che in un esterno.

 

 

 

Tra le borse per la raccolta differenziata ci sono anche le Seletti Recycle Bags, contenitori robusti uniti tra loro da un sistema di calamite e dotati di ganci interni per fissare i sacchetti. Grazie alla struttura in polipropilene con anima in materiale plastico, possono essere usati sia all’interno che all’esterno delle vostre abitazioni.

 

 

 

 

Cantù propone invece i bidoni ecologici, pensati proprio per risolvere il problema del riciclaggio. Disponibili in tre dimensioni, vengono venduti in pratici kit piatti con all’interno due contenitori e due sacchetti di carta riciclabile, resistente all’umidità. Per il montaggio non servono né colla né nastri.

 

 

Fantoni, azienda specializzata in mobili per ufficio, propone Atelier, un sistema di arredo flessibile e modulare dotato di ruote e realizzato in metallo, all’interno del quale è posizionato “bins”, un cestino per la raccolta differenziata, dal carattere industriale.

 

 

 

 

 

In plastica o materiale da riuso

Pratici e colorati, i contenitori Acrimet realizzati in plastica resistente e facile da pulire. Su di ognuno c’è stampato il simbolo del materiale da riciclare e quando sono vuoti, possono essere anche comodamente impilati. 

Tra i vari contenitori per la raccolta differenziata c’è anche il mega cestino con pedale colorato, che apre il coperchio corrispondente al materiale da riciclare. Scocca esterna in acciaio inossidabile e base in materiale plastico. Facile da spostare e pulire, è dotato di cestini estraibili interni semplici da svuotare.

Divertenti e colorati, i contenitori per la raccolta differenziata domestica Lego richiamano nel nome e nella forma i famosi mattoncini, che tanto fanno impazzire piccoli e grandi. Grandezza e colorazione indicano la tipologia di rifiuto da inserire. Azzurro e verde per alluminio e vetro, bianco e giallo, di dimensioni maggiori, per carta e plastica. La scocca esterna è realizzata come un vero e proprio mattoncino Lego e ne permette l’assemblaggio a incastro, mentre la parte frontale a ribalta è predisposta per il sacchetto. Realizzati dallo studio Flussocreativo sono in materiale polimerico. Utili anche per sensibilizzare i più piccoli al rispetto dell’ambiente attraverso il gioco.

Mentre, tra le soluzioni più economiche e facili da trovare in commercio, si trovano sempre le sacche in plastica, colorate per differenziare facilmente e velocemente.

 

di Alessandra Lino, Architetto

Creativa seriale

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.