re:MARS 2019

17 giugno 2019 | commenti: Commenta per primo |

L’evento della robotica più atteso dell’anno

Re:MARS ha trovato poco spazio sulle colonne dei giornali italiani, segno che forse l’occhio dell’informazione sulla tecnologia ‘tira’ meno rispetto alle polemiche politiche o ai gossip nostrani.

Eppure di tecnologia ed intelligenza artificiale ci stiamo riempendo la vita, ma la pigrizia umana fa sì che alla maggior parte di noi interessi solo il prodotto finito ed utilizzabile. Facilmente e possibilmente alla moda.

Come dire, per fortuna i cervelloni vanno avanti per noi, ecco appunto re:MARS, ispirato dall’evento privato MARS di Jeff Bezos, è un evento globale sul mondo dell’intelligenza artificiale che naturalmente fa gonfiare il petto proprio ad Amazon.

Le menti più brillanti del Pianeta hanno raccolto idee e opinioni per lo sviluppo delle innovazioni che ci auguriamo segnino il progresso dell’umanità.

Machine Learning, Automazione, Robotica e mondo Spaziale: tutto avverrà sotto l’ala protettiva del colosso del e-commerce (e ormai non solo)!

Tante le conferenze, gli incontri e i workshop che si sono succeduti a Las Vegas pochi giorni fa e Sistema Binario di Tablet non c’era, visto che il pass costava 2mila dollari (!), ma abbiamo raccolto lo stesso per voi le cinque notizie più interessanti.

Droni Prime Air

Del drone per le consegne dei pacchi si parla da tempo ed ormai è realtà con una modalità automatizzata che nel raggio di 20 km può trasportare in 30 minuti pacchi fino a 2,2 kg. Dopo l’esperienza DHL in Cina ecco pronto, veramente, il servizio di consegne sul suolo americano.

Droni elettrici con 6 gradi di libertà con telecamere di profondità, termiche e sonar, in grado di alzarsi ed atterrare verticalmente.

Dopo tanti voli di prova, dopo i primi annunci di circa 5 anni fa, Prime Air è pronto per diventare realmente uno standard per le consegne veloci.

Lo “shazam” per i vestiti

Integrato all’app di Amazon ecco quello che è stato soprannominato subito lo “Shazam” dei vestiti.

Come il noto programma individua una canzone da poche note, questa nuova IA troverà la ricerca che vi occorre, facendo una foto da una rivista o da una vetrina.

La tecnologia deep learning permetterò l’acquisto naturalmente dei capi sulla piattaforma di Amazon.

Pegasus

La robotica qui si fa decisamente operastiva: Pegasus è infatti un nuovo sistema di smistamento pacchi che si muove autonomamente grazie alle telecamere montate sul robot.

Dotati di alti standard di sicurezza, riduce gli errori di smistamento del 50% ed è in grado di calcolare il percorso migliore per il suo obiettivo.

Xanthus

Entriamo ancora più direttamente nel cuore del gigante Amazon con Xanthus, se vogliamo la parte operativa di Pegasus. Ma naturalmente con un’intelligenza artificiale di utilizzazione in qualsiasi azienda.

Xanthus è a guida autonoma e si occupa di trasportare i pacchi all’interno dell’azienda, con la possibilità di essere allestita ed accessoriata in maniera propedeutica in base all’obiettivo ed al tipo di trasporto.

Footprint Coalition

Appassionato di robotica, trasfigurato nel personaggio di Iron Man, Robert Downey jr. era uno dei personaggi più attesi di re:MARS.

L’attore ha annunciato il progetto “Footprint Coalition” che vedrà la luce nel 2020 e si propone l’ambizioso progetto di ripulire il mondo in maniera significativa nei prossimi dieci anni grazie alla robotica ed alla tecnologia.

L’Intelligenza Artificiale sarà al centro del progetto di Robert Downey jr. che anche a re:MARS ha raccolto consensi dalle brillanti menti presenti. Resta da vedere come le iniziative, che partiranno con attività di filantropia, potranno sopravvivere agli scogli burocratici e come si potrà collaborare con enti pubblici e con le grandi aziende multinazionali, ma insomma, se non c’è la può fare Iron Man, chi altri?

di Martino del Volo

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Immagine Pixabay in Creative Commons CC0.

Forse potrebbe interessarti anche:

Italian Tech Week dal 24 al 30 giugno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.