Ristoranti etnici: perché si e perché no

26 giugno 2019 | commenti: Commenta per primo |

I nostri consigli su come scegliere i ristoranti etnici.

Cibi scaduti, scongelati e ricongelati, mancato rispetto delle norme igieniche, etichette incomprensibili, importazioni vietate.

I controlli dei Nas dei Carabinieri in tutta Italia su ristoranti etnici e depositi di alimenti provenienti dall’estero hanno accertato irregolarità in 242 strutture, quasi la metà dei locali ispezionati.

L’incidenza è maggiore nel settore della ristorazione, specie negli ‘all you can eat’: nel 48% dei locali sono state trovate irregolarità. Chiuse o sospese 22 attività, riscontrate 477 violazioni di legge e sequestrate 128 tonnellate di cibo.

Certo con queste premesse non viene certo voglia di andare in un ristorante etnico, anzi.

Ma per fortuna non tutti i ristoranti etnici sono così, ce ne sono anche di più seri che usano ingredienti di qualità controllati e stoccati regolarmente.

Bisogna distinguere bene tra ristoranti seri e ristoranti meno seri perchè i ristoranti etnici possono darci un ottimo servizio, basta solo accertarsi prima che sia tutto in ordine e pulito.

Nel mirino c’è il sushi, piatto giapponese molto amato ma anche molto imitato che in qualche caso è davvero da incubo.

Ma come facciamo a sapere che il nostro sushi è davvero buono?

Per prima cosa attenzione al riso, attenzione anche ai tempi, le tempistiche sono molto strette e vanno rispettate, la salsa di soia va messa dallo chef in persona e i pesci possono essere uova di pesce, gamberi, pesce bianco o rosso ma anche vongole e ricci di mare.

Il pesce deve essere esposto fresco nel ristorante, se non lo vedete cenate da un’altra parte.

Ovviamente ci sono alcuni trucchetti che ci aiutano a riconoscere subito un buon ristorante prima ancora di avere mangiato, e questo vale per tutti i ristoranti non solo per quelli etnici.

Prima di tutto…

Prima di tutto il bagno pulito che è fondamentale, i camerieri solleciti, la stagionalità del menù per garantire alimenti sempre freschi e genuini, la giusta distanza tra i tavoli, i camerieri appassionati, gli chef comprensivi e pronti a fare fronte alle richieste dei clienti, pane e olio davvero ottimi, cibo puntuale e ben presentato, servizio cordiale e mai invadente e tutte quelle piccole gentilezze che rendono un ristorante davvero unico e di classe.

Comunque sia un buon ristorante si consce subito, appena entrati abbiamo la sensazione di essere in un ambiente accogliente dove siamo coccolati e la nostra serata sarà un grande successo.

Se invece entrando nel locale non ci sentiamo a nostro agio allora è il caso di andare da un’altra parte.

di Valeria Fraquelli

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Immagine Pixabay in Creative Commons CC0.

Forse potrebbero interessarti questi altri articoli dedicati alla cucina: E’ pronto in Tablet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.