Screenings e poi Live Cinema Festival

8 agosto 2018 | commenti: Commenta per primo |

Screenings nel Live Cinema Festival 2018

Screenings e poi Live Cinema Festival! Questo il piano del Palaexpo tra agosto e settembre.

screenings e-live-cinema-festival-2Dal 20 al 23 settembre infatti tornerà la quinta edizione del Live Cinema Festival con 11 nazioni coinvolte, 8 live cinema performance inedite o presentate per la prima volta in Italia e realizzate in real-time, proiezioni, workshop e un cast di artisti di rilievo internazionale per un’esperienza sinestetica e ipersensoriale unica. Tutti gli artisti invitati, infatti, si presenteranno eccezionalmente con première delle loro performance, Live AV mai visti oppure presentati per la prima volta in Italia.

Ma prima appunto, Screenings, una preview di proiezioni dall’1 agosto al 19 settembre nel bookstore del Palaexpo durante l’orario di apertura del museo che mira a preparare il pubblico alle performance del festival. La sezione Screenings continuerà po durante i giorni del festival nell’Auditorium del Palaexpo con la selezione di documentari, making of, interviste agli artisti delle passate edizioni del festival e con la proiezione speciale di “FEST”, il nuovo short film sperimentale dell’artista russo di base in Germania Nikita Diakur dove animazione 3D, schermate di software, errori e simulazioni real-life si fondono in uno stile unico e anticonvenzionale.

“Vedi i suoni, ascolta le immagini”

Il Live Cinema Festival saranno quattro giorni dove macchine, arte e tecnologia si uniscono per diffondere nuovi messaggi, nuovi immaginari e nuove prospettive, in una manifestazione internazionale che porta nella Capitale le più innovative performance live di spettacoli audio visual.

L’evento è parte del programma dell’Estate Romana e per la prima volta si svolgerà a Palazzo delle Esposizioni sotto la direzione artistica di Claudio Guerrieri

La tecnica narrativa del “Live Cinema” è una sperimentazione applicata al video performativo che dà vita alla creazione simultanea di suoni e immagini in tempo reale, in cui i parametri tradizionali del cinema narrativo, rappresentati dalla soggettività fotografata dalla camera, si espandono in una concezione più ampia.

La programmazione e gli eventi

screenings e-live-cinema-festival-1

Dall’alto a sinistra: Texture Droite, Ipologica + Flxer, The Light Surgeons

Ad arricchire ulteriormente la programmazione del Festival, il 20 settembre parte anche il workshop gratuito della durata di 4 giorni per 8 ore complessive sul Digital Storytelling, che mira a dare gli strumenti sia di conoscenza che di tecniche e tecnologie per la realizzazione di una performance Audio Video di Live Cinema. Si può partecipare inviando una mail a workshops@livecinemafestival.com .

Si inaugura giovedì 20 settembre con uno tra gli ospiti più attesi, il collettivo inglese The Light Surgeons formato da pionieri dell’ Audiovisual performing arts, portati per la prima volta a Roma dal festival Dissonanze e che stavolta presenta “Atemporal 2.0”, un saggio audiovisivo incentrato sui temi della memoria, del tempo e dello spazio, risultato della fusione di materiali visivi, musica elettronica e alcune registrazioni del poeta, pittore e scrittore John Berger.

Domenica 23 settembre la kermesse chiude con un altro imperdibile spettacolo: “The Infinite Now”, performance dell’artista olandese Armand Dijcks presentata per la prima volta live e concepita insieme alla direzione artistica del festival. Un seducente viaggio nell’eternità dei mari accompagnato dalla sognante colonna sonora di Andre Heuvelman curata dal tecnico del suono Frans de Rond e dalle splendide immagini delle onde dell’oceano immortalate da Ray Collins.

Tutte performance inedite e première

screenings e-live-cinema-festival-3

FEST di Nikita Diakur

Gli altri nomi in cartellone sono sempre di altissima qualità. Ad esempio la band Mïus X Attaray, progetto audiovisual dell’artista ungherese Gergely Álmos e Andrea Sztojanovits della Sonar Kollektiv, l’etichetta tedesca fondata dai Jazzanova, che sabato 22 settembre dà origine a un viaggio audiovisivo senza tempo con la première “The Digital Tale of Geometric Shapes.” Giovedì 20 settembre i promettenti austriaci Apnoa invece presentano la première “Amnis”, ultimo lavoro di un trittico audiovisuale delineato sul concetto di dromologia, mentre venerdì 21 i francesi Texture Droite rievocano gli universi di Jon Hopkins e di Rival Consoles mescolando suoni malinconici e delicati a ritmi potenti e grezzi.

Gli artisti ospiti il 22 settembre vengono invece dalla Repubblica Ceca: Citty & Aeldryn con i loro sintetizzatori modulari e l’immaginario visivo si esibiscono in “Infinity Insight”, una performance AV tra analogico e digitale. E ancora, domenica 23 arrivano dalla Polonia i visuals onirici di Ari Dykier coadiuvati dal flauto della musicista Ewa Liebchen prendono forma nella première “Vento”.

Venerdì 21 viene inoltre presentata la prima co-produzione di LCF con il team Ipologica e Flxer con la première “Onn Frame”, una performance AV in costante evoluzione e frutto della ricerca e interazione tra suono, immagine e tecnologia.

Tutte le info eventi QUI

di Lorenzo Sigillò

Immagini © fornite da GDG press

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.