Smartphone, un anno senza

19 dicembre 2018 | commenti: Commenta per primo |

Un anno senza smartphone: la sfida dagli USA

Dall’America l’ultima sfida: stare un anno intero senza smartphone. In palio 100mila dollari

La sfida per i più “coraggiosi”: centomila dollari per stare senza smartphone per un anno.

È la sfida lanciata da Vitaminwater, un marchio di acque funzionali che fa capo a Coca-Cola, a tutti i Technogy addicted. Il premio finale: ben 100mila dollari.

 

365 giorni senza smartphone

365 giorni senza smartphone, che ovviamente si traducono nel grande incubo dello stare senza internet sempre a portata di mano.

A partecipare unicamente i residenti in America, che entro l’8 gennaio dovranno scrivere su Twitter o Instagram come si vorrebbe passare questo lungo periodo senza telefono. L’hashtag è #NoPhoneforaYear e #contest. Una giuria apposita valuterà la creatività delle proposte, dando un punteggio a originalità, qualità delle foto e dei video (e, perché no, anche alla grammatica).

 

Isolamento dai social

In pieno revival anni 90 gli intrepidi saranno dotati di telefoni vecchio stampo – i canonici nokia ne sono l’esempio perfetto – e dovranno stare 12 mesi in questo stato di “obsolescenza”, di straniamento dal mondo del web e dei social.

Guai ad amici e familiari che, mossi a compassione, dovessero allungare il loro smartphone o tablet agli sfidanti, quindi, anche se è concesso l’uso (in un certo senso diventato ormai incontrollabile) di altoparlanti smart come Google Home e Amazon Echo.

Rispettare le regole della sfida

Come da regolamento, la possibilità di sgarrare viene del tutto meno grazie alle ripetute verifiche da parte dello Sponsor nel corso dell’anno, che si riserva il diritto di controllare che l’astinenza da smartphone sia rispettata. Alla fine dell’anno gli sfidanti potranno addirittura essere sottoposti alla macchina della verità!
È possibile tirarsi indietro, ma si avrà una bella consolazione: se si resiste almeno per sei mesi si avrà comunque diritto ad avere 10mila dollari.

Certo, questa sfida può essere per molti un banco di prova per capire se si è davvero così tanto assuefatti allo schermo dello smartphone, e se è ancora possibile una vita senza. Se tornassimo ai vecchi telefoni, senza i social e senza la necessità di condividere sempre tutto quello che facciamo, la nostra vita quotidiana sarebbe diversa?

 

di Simona Gitto

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.