Soffrire d’insonnia

12 dicembre 2020 | commenti: Commenta per primo |
Condividi con i tuoi amici:

Soffrire d’insonnia. Ecco alcune tosane per dormire

Il disturbo del sonno riguarda circa il 45% della popolazione, di cui il 9% sviluppa insonnia.

Dormire bene di notte è una condizione essenziale per vivere bene senza risvegli notturni o difficoltà ad addormentarsi.

L’entità delle problematiche legate al corretto riposo attualmente sono notevoli: sonnolenza, l’affaticamento e il nervosismo. Condizioni che incidono poi sullo stato di salute sia fisico sia mentale delle persone.

Al contrario, dormire bene aiuta a mantenersi in forma, a prevenire attacchi di cuore e diabete, migliora la memoria e molto altro. Sono diversi i fattori che incidono sulla quantità e sulla qualità del sonno, le condizioni ambientali e lo stile di vita, le cattive abitudini e la tecnologia presente ormai anche a letto con smartphone, pc e tv.

Per non soffrire d’insonnia

Per dormire meglio, oltre a sviluppare alcuni abitudini come non alzarsi tardi nei weekend, evitare di bere caffè almeno 6 ore prima di addormentarsi e tante altre, potremmo adottare per qualcosa di naturale prendendo delle tisane in erboristeria o comprare delle erbe in farmacia o al supermetcato. Ecco tre tra le migliori erbe che aiutano a rilassarsi e a conciliare il sonno:

1.CAMOMILLA

L’erba per eccellenza usata da milioni di italiani, usare la camomilla per dormire infatti è una buona idea purché non venga tenuta in infusione troppo a lungo, in caso contrario diventa un eccitante al pari al caffè.

2.BIANCOSPINO

la vixetina è il principio attivo presente nel biancospino che agisce come spasmolitico, ansiolitico e sedativo naturale. Non è proprio un sedativo ma spazza via l’angoscia e aiuta a dormire con serenità.

3.LA LAVANDA

La lavanda invece piuttosto che agire direttamente sulla qualità del sonno, a abbassa il livello di stress aiutando a coricarsi tranquillamente e, di conseguenza, a dormire meglio.

 

Oriana Orlandi

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Condividi con i tuoi amici:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.