Ultramaratona di Roma da 50, 30 e 10km

2 ottobre 2019 | commenti: 1 |

Ultramaratona di Roma domenica 6 ottobre

La prima Ultramaratona di Roma è nata da un’idea, manco a dirlo, di un ultramaratoneta, e che ultramaratoneta! Parliamo infatti dell’immenso Giorgio Calcaterra che assieme all’Italia Marathon Club hanno creato questa nuova competizione a Roma che consentirà di correre le distanze di 50, 30 e 10 km (non competitiva).

L’UltraRoma si corre il 6 ottobre con partenza alle 8.00 ed un lungo percorso in Centro Storico e Villa Borghese.

Il Percorso

Con ristori e spugnaggi ogni 5 km (i primi dal 5°, i secondi dal 7,5°), il percorso ha subito delle modifiche negli scorsi giorni per la concomitanza con un altro evento, ed è ad oggi così confermato: la prima parte è un giro di 5 km tutto su strada con partenza della gara e fine giro in Via delle Magnolie (Villa Borghese): il percorso tocca alcune location del cuore di Roma come Piazza di Spagna, Via del Corso, Piazza del Popolo.

La seconda parte è un circuito di 5 km da ripetersi 9 volte per la 50k, 5 volte per la 30k, 1 volta per la 10k, tutto dentro Villa Borghese. Sempre Via delle Magnolie, punto di inizio e fine giro, inizio e fine gara. Questa parte è 90% su asfalto e 10% su sterrato e strade bianche.

Le iscrizioni sono ormai chiuse ed i partecipanti di tutte le competizioni potranno ritirare maglia e pettorale sabato 5 ottobre dalle ore 10.30 alle ore 19 presso Cisalfa Sport all’Eur.

Charity Program

Come ogni progetto sportivo che si rispetti anche l’Ultraroma si rivolge al sociale sostenendo i meno fortunati.

“La Magia di un Respiro” riguardante la fibrosi cistica, “Non Basta Un Sorriso A.P.S.” associazione per i bambini della Repubblica Democratica del Congo, “A.P.E. ODV” Associazione Nazionale di Pazienti che opera in regime di volontariato per l’endometriosi .

Tutte le informazioni per supportare i progetti le trovate QUI

Evento da non mancare!

Essendo una ‘prima’ è davvero bello partecipare in ogni modo, sia da atleta che da spettatore, per i superatleti che corrono ben 50 chilometri, a chi si avvicina alle maratone con i primi 30 km, a chi trova grande soddisfazione e con impegno corre i non pochi 10 km.

Queste le parole di Re Giorgio dalle pagine del sito ufficiale della competizione, se l’avete ‘bucata’ quest’anno siamo sicuri che vi verrà voglia di correre la prossima, per chi invece è scritto sarà sicuramente fonte d’ispirazione ed energia!

Correre le Ultra per me è stata un’esigenza. Dopo anni di gare e centinaia di maratone, corse con scadenza bisettimanale, andare oltre è stato naturale e allo stesso tempo straordinario. Varcare la soglia dei propri limiti significa scoprire se stessi attraverso la propria passione.

Lasciarsi trascinare dalla corrente che ci scorre dentro, seguendo un istinto primordiale che non sappiamo di possedere fin quando non lo guardiamo negli occhi. Fin dalle prime esperienze in me si è accesa una lampadina e ho preso a guardare le lunghe distanze non più con timore, ma con gioia.

Oggi, dopo 36 anni di carriera e tante soddisfazioni, mi piacerebbe omaggiare tutto il movimento podistico nazionale e quello dell’ultra in particolare, realizzando un sogno:

Portare a Roma, la prima Ultramaratona.

E’ una gara che manca e di cui, in tanti anni, ho sempre sentito la mancanza. Ho vinto il mio primo mondiale della 100 km a Tarquinia, a due passi da Roma, ma correre una Ultra nella mia città, nella città che più amo rappresenterebbe la ciliegina sulla torta di una carriera fino ad ora esaltante.

Grazie allo storico gruppo di Italia Marathon Club, organizzatore della bellissima Maratona di Roma, il sogno si avvererà nel 2019, esattamente il 6 ottobre.

Per la prima volta nella sua storia millenaria, Roma avrà una 50k e nello stesso giorno, sullo stesso circuito, si svolgerà una 30k, distanza accessibile ad un numero più ampio di atleti, e una 10k aperta a tutti.

Già immagino la gioia di condividere una nuova esperienza con tanti appassionati, sono sicuro che sarà un giorno che passerà alla storia.

Vi aspetto!

di Martino del Volo

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

1 commento

  • Claudio Frasca ha detto:

    Una bellissima iniziativa che riuscirà meravigliosamente, peccato non partecipare per le iscrizioni ormai chiuse, se ne riparlerà l’anno prossimo. Auguro a tutti i partecipanti una felice giornata e…..a ritrovarci per il 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.